No Limit: lo stile di gioco degli avversari

Giocando a poker, per prendere decisioni giuste in maniera costante, è necessario tenere conto di tutte le informazioni che ci vengono date:

  1. Le nostre due carte
  2. Le carte in comune
  3. La nostra posizione
  4. Le puntate nei round effettuati
  5. La grandezza del nostro stack
  6. La grandezza degli stack degli avversari

Ma c’è un settimo fattore da considerare: lo stile di gioco degli altri giocatori. Nell’esempio seguente viene mostrato come sia importante conoscere chi ci sta davanti.

Immaginiamo che tu sia all’inizio di un rapporto con una ragazza, e le cose al momento vanno così bene che pensi che possa essere la persona giusta. Ricevi l’invito alla festa di compleanno di suo padre, che sfortunatamente coincide con la gita in barca annuale con i tuoi amici. In questo caso, come nel poker, devi prendere una decisione difficile: non vuoi mancare alla giornata di pesca ma allo stesso tempo sai che è un’occasione importantissima per fare una buona impressione a colui che potrebbe diventare tuo suocero. Facciamo finta che hai la possibilità di dare un’occhiata alle note sulle mani precedenti riguardanti la tua ragazza: c’è scritto che dopo il matrimonio smette di cucinare, ingrassa e ti vieta di fare quello che vuoi. Quale decisione prendi a questo punto? Beh.. di sicuro abbandoni la mano e prepari la tua canna da pesca!!

Nel gioco online non è necessario ricordarsi tutto a memoria, si ha la possibilità di prendere appunti e di conservare tutto per le sessioni di gioco future.

Qualche consiglio su come prendere le note dei giocatori

Giocatore debole: è un avversario che non punta quando invece, se lo facesse, si porterebbe a casa il piatto. Ad esempio un giocatore in posizione centrale rilancia prima del flop, e viene chiamato da un solo avversario dalle posizione finali. Al turn il giocatore in posizione centrale fa check e poi fold quando l’altro giocatore punta. Il primo giocatore è un avversario debole e dobbiamo subito scriverlo nelle note. In quel caso infatti avrebbe dovuto puntare, c’era un solo avversario e non sarebbe stato particolarmente difficile mandarlo via dopo aver mostrato forza prima del flop. Questa nota può tornarci utile in seguito: supponiamo di essere il grande buio e di fare check con 23o contro un solo giocatore. Al flop scendono A J 5, noi passiamo e l’altro giocatore punta. Nelle nostre note abbiamo scritto che è un giocatore “weak”, perciò molto probabilmente è entrato nel piatto con una mano non troppo bella che non gli ha permesso di rilanciare prima del flop. Chiamiamo e aspettiamo il turn (un 4). Ora possiamo puntare noi, e vedremo che la maggior parte delle volte il giocatore debole farà fold.

Giocatore Tight: se un avversario gioca solo mani fortissime può essere etichettato come tight. Tuttavia bisogna stare attenti ad essere troppo veloci nel giudizio: potrebbe avere ricevuto solamente brutte mani di partenza! Meglio scrivere che un giocatore è un tight se ha foldato una mano forte. Ecco come comportarci contro un giocatore di questo tipo. Se si ha la possibilità, è meglio porsi all’immediata destra di questo giocatore: il motivo è che ci aspettiamo un suo fold ad ogni nostro rilancio. Perciò contro di lui bisogna cercare di essere aggressivi perché ci seguirà pochissime volte e quando saremo in questa situazione sapremo che è meglio usare prudenza. Se al contrario siamo seduti alla sinistra del tight dobbiamo rispettare i suoi rilanci e andare contro di lui solamente se abbiamo una mano fortissima.

Giocatore Loose: se un avversario chiama spesso da posizioni deboli probabilmente è un giocatore “loose”. E’ difficile che un giocatore che gioca sempre abbia tutte le volte mani buone, ma è meglio scrivere che è un giocatore di quel tipo solo quando il suo gioco viene rivelato esplicitamente.

Vediamo un esempio: abbiamo una coppia di 10 e al flop scendono tre carte basse come 9 6 3. Puntiamo in maniera decisa e subiamo un controrilancio che ci mette il dubbio di essere contro un tris o una coppia più alta. Però la nota sul giocatore ci fa pensare che con buona probabilità l’avversario sta giocando con la top pair o addirittura una coppia qualsiasi. Perciò meglio puntare ancora, con molta probabilità saremo davanti. Al contrario di ciò che accade contro un tight, è sempre meglio sedersi alla sinistra del giocatore loose perché è un giocatore che farà spesso call alle nostre mani forti e la nostra posizione migliore ci aiuterà ad avere un vantaggio decisivo nei suoi confronti.

Giocatore Very Aggressive: se un giocatore effettua una puntata fin troppo eccessiva da una posizione non ottimale con buona probabilità è un giocatore molto aggressivo. Un esempio classico è quando uno di questi giocatori segue un forte rilancio con mani marginali come KJ o A4. E’ importante identificare questi giocatori e porsi alla loro sinistra: saranno una fonte di guadagno grandissima quando avremo una mano molto forte. Allo stesso tempo è consigliato giocare in modo più chiuso contro questi giocatori e aspettare il momento giusto per dargli un duro colpo: dopo che avrà vinto diversi piatti con rilanci fatti con mani mediocri, perderà gran parte del suo stack nella prima occasione in cui si scontrerà con una premium hand.

Giocatore Maniac: il maniac è un giocatore….very very aggressive! Lo si riconosce subito quando effettua una mossa stupida e senza senso, mostrando un’aggressività che alla lunga sarà improduttiva.

Note multiple: può anche capitare di scrivere più note sullo stesso giocatore. Ad esempio se un avversario mostra impazienza chiamando sempre scriveremo che è un giocatore loose e molto probabilmente non cercherà di rubare il piatto quando entrerà nella mano con la sua mano marginale. Perciò potremo aggiungere alle sue note anche la parola “weak”.

Un fattore da tenere sempre presente è che ogni giocatore riceve premium hands più o meno con la stessa frequenza, e lo stesso vale anche per i “maniac”. Perciò può capitare che il loro grosso rilancio sia ampiamente giustificato! Allo stesso modo un avversario tight può spazientirsi e cercare di rubare il piatto con un bluff.

E’ importante seguire le note, ma non in modo esclusivo.

Sii conservativo con le note sui giocatori.

Abbiamo già detto che la nostra strategia deve cambiare in base agli stili degli altri giocatori. E’ importante quindi che le note che prendiamo siano il più possibile accurate, un errore nel valutare un giocatore può essere estremamente dannoso. Meglio perciò aspettare prima di classificare un avversario se non si è sicuri di quello che si pensa.

Per concludere, le note sui giocatori sono uno strumento molto importante per prendere le decisioni migliori possibili. Ma non devono influire completamente alla nostra strategia che da sola può avere successo contro la maggior parte degli avversari. Un uso corretto aiuterò nel lungo periodo a massimizzare i profitti.