Marco Della Tommasina: 19 ITM messi a segno nel WPT!

Marco Della Tommasina & il WPT: unione vincente

Se c’è un giocatore di poker che rappresenta nel migliore dei modi i colori azzurri nelle varie tappe del noto circuito World Poker Tour, questo è Marco Della Tommasina. Con i suoi 19 ITM in altrettanti eventi WPT, è il player azzurro con record di posizioni a premio. Della Tommasina ha appena rilasciato un'intervista

Della Tommasina ITM anche nell’ultima tappa WPT, a Rozvadov

L’ultima tappa del World Poker Tour, esattamente quella del WPT National Rodvadov che si è appena conclusa, è stata un altro scenario dell’affermazione del poker player azzurro. Marco Della Tommasina ha partecipato al Main Event (da 374 partecipanti e 1.000€ di buy-in) chiudendo al 15° posto per oltre 4.500€ di premio, ed ha anche vinto il Last Chance da €150, con oltre 60 iscritti.

In quest’occasione Della Tommasina ha rilasciato un’intervista al Manager del WPT Regional Event Sandris Cakarnis, nella quale si è parlato del suo “viaggio” nel mondo del poker e del suo rapporto speciale con il WPT.

19 ITM nel WPT per Marco Della Tommasina: record azzurro

Con i due ITM messi adesso a segno nel WPT National Rodvadov, Marco Della Tommasina arriva a contare 19 bandierine piazzate in questo circuito, che sono un vero e proprio record azzurro. Solo un anno fa arrivava 5° al WPT National Valencia! Il nostro pro è ora dietro solo a Daniel Negreanu ed a Carlos Mortensen che ne hanno 21! Pensate infatti che Della Tommasina è anche più avanti di altri grandi campioni internazioni come Phil Ivey. Le prossime tappe del World Poker Tour saranno dunque decisive per il nostro campione.

Tutto iniziò da una partita con amici e da Chris Moneymaker

Ovviamente per analizzare il rapporto che Della Tommasina ha con il WPT, si è ripercorso l’inizio della sua carriera, che non tutti sanno avvenne ormai molti anni fa e grazie a due componenti fondamentali: le partite con gli amici, ed il fenomeno mediatico di Chris Moneymaker, campione del Main Event WSOP 2003 (che vedete di seguito).

Chris Moneymaker

Quest’ultimo ha richiamato l’attenzione del giocatore, che poi è passato a vedere anche film come Rounders, che Della Tommasina stesso dichiara “mi hanno cambiato la vita”. Della Tommasina è passato poi all’online ed al cash game nelle sale del casinò di San Remo, vincendo nel 2007 il suo primo evento live. Da li in poi, la sua scalata verso il successo sarebbe stata breve, con un percorso da giocatore di poker professionista che non tutti hanno.

Il “segreto” del Pro: un atteggiamento sempre positivo

A Della Tommasina è stato chiesto quale fosse la chiave del suo successo negli eventi del WPT National. Il Pro ha dichiarato che oltre ad aver studiato la strategia dei tornei, ha sempre cercato di mantenere un atteggiamento positivo: “Qualche volta mi capita di avere una pila di chips bassa, a volte alta, ma cerco sempre di mantenere un atteggiamento positivo. Penso che questo sia molto importante” (queste le esatte parole).

I 3 motivi fondamentali per non mancare al World Poker Tour

Marco Della Tommasina ha fornito anche, sotto richiesta del suo intervistatore ovviamente, tre motivi validi per non mancare agli eventi WPT e giocarne il più possibile. Secondo l’azzurro, la struttura di questo circuito è ottima: in particolare apprezza quella usata nei WPT National, dove il buy-in è di circa 1.000€, i giocatori hanno quasi 30.000 chips e si affrontano in livelli da 60 minuti.

La possibilità di viaggiare, seguendo il tour e le sue tappe, è un altro punto a favore della manifestazione di poker live. Inoltre Della Tommasina, ha detto di apprezzare il World Poker Tour per l’intera organizzazione, quindi anche per gli eventi collaterali.

Della Tommasina e Scalzi, due differenti presenze italiane al WPT

Anche un’altra importante presenza strettamente legata al World Poker Tour è azzurra. Si tratta del Tornament Director del WPT, Christian Scalzi (che vedete in foto di seguito).

Christian Scalzi

Della Tommasina vede Scalzi come un grande professionista, e lo definisce “il direttore numero uno dei tornei in Europa se non nel mondo”. Scalzi ha una vera passione per il poker, e grazie alla sua conoscenza di molte lingue riesce a svolgere al meglio questo tipo di mansione.

Barcellone e Las Vegas, next stop per Della Tommasina

Sui suoi progetti pokeristici, Marco della Tommasina ha detto che vuole giocare molti tavoli di cash game sia nel PLO che nel NLH. Molto probabilmente sarà a Barcellona ed a Las Vegas, e poi gli piacerebbe giocare anche qualche altro torneo. Quando poi il WPT National sarà a Vienna, Valkenburg, e Bruxelles lui non mancherà!