Tornei di poker solo per donne: ecco perché esistono

Perché troviamo i tornei di poker riservati al gentil sesso

Gli eventi di poker riservati alle donne che spesso troviamo nelle manifestazioni live, che senso hanno? Le giocatrici perché preferiscono gli eventi a loro dedicati che quelli “misti”? In verità si tratta solo di business e marketing, con strategie trovate dagli operatore per incrementare i numeri. Anche Liv Boeree si è espressa in merito.

Women’s Event si o no?

Si continua a cercare la parità dei diritti tra uomo e donna, ma poi vediamo che le strade dei due sessi si separano anche in cose “non troppo rilevanti”. Parliamo proprio dei tornei di poker, sia online che live, che spesso troviamo nella versione “esclusivamente femminile” (women’s event). Come mai si tende a creare eventi riservati al gentil sesso, invece di dar per scontato che eventi di poker possano essere “unisex” e quindi interessanti per le donne proprio al pari di un ladies event?

Probabilemente non i tratta di un discorso “sessista”, ma di un discorso legato al marketing. A svelarlo anche la bella e brava pro di PokerStars Liv Boeree considerata tra le giocatrici più sexy, che in un recente post sul suo blog ha esaminato la questione e dato un’opinione personale.

Liv Boeree: “è questione di business, in media 0,7 giocatrici per tavolo”

Secondo l’affascinante giocatrice di poker, conduttrice televisiva e modella britannica classe 1984, le donne non sono troppo presenti negli eventi di poker live, e quando marchi rilevanti come PokerStars creano eventi ad hoc per il gentil sesso, lo fanno per attrarre più signore ai loro tavoli verdi. Liv nel suo post sul blog della room dalla picca rossa, ha parlato principalmente degli eventi live ai quali lei partecipa spesso ed attraverso i quali si è riuscita a farsi una propria idea.

“Le donne sono sotto rappresentate demograficamente nel poker con una media di 0,7 giocatrici sui tavoli live” e “trovo normale che società di poker quali PokerStars e le Wsop organizzino tornei che possano attrarre questi target con lo scopo di incrementare le giocatrici”, sono parole della stessa giocatrice che non trova esserci nulla di male nel pubblicizzare e proporre il poker per sole donne.

Poker live e poker online di pari passo

Se è vero che sempre più donne giocano nei tornei di poker Texas Hold’em, è anche vero che sempre più organizzatori di tornei sia live che online, sono alla ricerca di giocatrici. Infatti come avete notato in molte kermesse live come le WSOP, è sempre presente un Women’s Event. Inoltre forse non ci avrete fatto troppo caso, ma anche le poker room online offrono continue promozioni riservare alla donne.

Proprio PokerStars che è un leader nel settore, in passato ha già creato iniziative come la “Women's Poker League” o il “Women's Sunday” (il torneo domenicale tutto al femminile) per attirare a se più giocatrici possibili e magari anche nuove iscritte alla sua room. Si tratta quindi ed evidentemente di una questione di marketing, legata al fatto che molte donne possono sentirsi spinte maggiormente a partecipare ad un evento esclusivamente a loro dedicato, rispetto ad un evento aperto a tutti.