Tappa 5 Re Mida Deep: trionfa Mauro Spurio

Re Mida Deep 5: il vincitore è Mauro Spurio

Dopo una lunga serata che partiva con 16 players left ed un Final Table ancora da formare, il Re Mida Deep ha eletto il campione della quinta tappa. Si tratta di Mauro Spurio, campione dell’evento di Sharkevents che ha visto salire sul podio anche Suzana Ogrinc e Matteo Tranchina.

Le prime eliminazione del Final Day Re Mida mentre Tranchina sale

La finalissima del Re Mida Deep, uno dei tornei di poker live di ottobre 2014, iniziava ieri con lo shuffle up and deal delle ore 14 e 10 circa, e dopo neanche 5 minuti vedeva già il primo eliminato: si trattava di Giuseppe Ciuoffo, uscito per mano di Orhean Catalin che chiudeva un colore e che gli “assegnava” così il 16° posto. Poco dopo è stato il turno di Luca Gualtieri, eliminato da Matteo Tranchina, uno dei protagonisti di questo torneo che di li a breve avrebbe fatto suo un pot da 2 milioni di chips, ai danni di Suzana Ogrinc e Mladen Sekol. Con questo piatto conquistato, Tranchina svettava nel chipcount con più di 4,5 milioni di chips andando a conquistare la leadership momentanea.

Giovanni Donno “bubbleman” del Final Table Re Mida Deep 5

Prima di arrivare alla formazione del Final Table si è passati ancora per altre eliminazioni: out dal torneo Alessandro Vuletich per mano di Matteo Fortunato, out Mauro Tarsi condannato da Tranchina che continua ad incrementare il suo stack, e out anche Giuseppe Montella che viene mandato a casa dal chipleader iniziale di giornata, Salvatore Cristiano.

Ad avere l’ingrato ruolo di “bubbleman” del Final Table, e quindi ad avvicinarsi alla finalissima del Re Mida Depp 5 ma senza conquistare una sedia, è stato invece Giovanni Donno. Maurizio Testi con A K elimina Donno che con A 7 non trova aiuto dal board. Su Facebook, Donno commenta con queste parole la sua uscita: “mi dispiace , non sono riuscito a scoppiare AJ con i miei ASSONI”.

Italia contro Slovenia, Bosnia, Croazia e Romania

Composto il tavolo finale del Re Mida Deep 5 di Sharkevents, non era così scontato che l’Italia portasse a casa il titolo. I players arrivavano da ben 5 differenti nazioni: vi erano Maurizio Testi, Mauro Spurio, Matteo Fortunato, Martino Di Pierro, Matteo Tranchina e Cristiano Salvatore per l’Italia, poi Suzana Ogrinc per la Slovenia, Andrej Eric per la Bosnia ed infine, Orhean Ioan Catalin per la Romania.

Trionfa Mauro Spurio, runner up “in rosa”

Alle 17:00 circa aveva preso il via il Final Table del Re Mida Deep tappa 5, un tavolo che vedeva quasi subito l’eliminazione di Maurizio Testi, primo italiano a lasciare la scena. Sin da subito sembrava Suzana Ogrinc a poter mettere le mani sul primo posto dell’evento: la giocatrice slovena prima si aggiudicava un pot da 1,5 mila chips, poi eliminava sia Orhean Catalin che Matteo Fortunato portandosi davanti anche a Tranchina. Prima della pausa cena usciva invece Andrej Eric per mano di Salvatore Cristiano, mentre al rientro Mladen Sekol veniva eliminato da Tranchina.

Era poi il turno di Martino Di Pierro che uscendo lasciava gli ultimi players a contendersi il podio, con Mauro Spurio che proprio in questo momento trovava il modo di mettersi in testa al chipcount, portando via gran parte delle chips di Salvatore Cristiano che poi sarebbe uscito. Con il 3° posto di Tranchina, rimanevano l’italiano Spurio e la slovena Ogrinc a contendersi il titolo di campione del Re Mida Deep tappa 5, ma Spurio riusciva ad avere la meglio sulla giocatrice ed alzava il trofeo! Di seguito la classifica dei 10 finalisti che hanno disputato il Final Table Re Mida Deep:

1-Mauro Spurio
2-Suzana Ogrinc
3-Matteo Tranchina
4-Salvatore Cristiano
5-Martino Di Pierro
6-Mladen Sekol
7-Andrej Eric
8-Matteo Fortunato
9-Orhean Catalin
10-Maurizio Testi