Vendute PokerStars e Full Tilt Poker a 4,9 miliardi

PokerStars e Full Tilt Poker cedute a Amaya-Ongame

Il gruppo canadese Amaya Gaming ha appena acquisito PokerStars e Full Tilt Poker: al prezzo di 4,9 miliardi di dollari, le due società sono state vendute. Per i giocatori nessun cambiamento, se non una certezza in più che corrisponde alla solidità di Amaya Gaming, società quotata in borsa.

Amaya Gaming, ora la più grande società mondiale del gioco online

Amaya Gaming Group è una società canadese di gambling online, quotata dalla borsa di Toronto e già di rilevante importanza nel suo settore. Adesso però, appena l’accordo per l’acquisizione di PokerStars e Full Tilt Poker sarà portato a termine, Amaya Gaming sarà ufficialmente la più grande società di gioco online quotata in borsa di tutto il pianeta. Infatti questa società che controlla anche Ongame Network, ha già “colonizzato” una buona parte del mercato globale con i suoi casinò live ed online.

Un accordo da 4,9 miliardi di dollari

Cifre da capogiro quelle che riguardano la vendita di PokerStars e Full Tilt Poker, infatti la famiglia israeliana Scheinberg le ha cedute per una cifra di 4,9 miliardi di dollari! La conferma ufficiale di questa notizia, di cui erano girate ufficiose voci nei giorni precedenti, è solamente di poche ore fa. Amaya Gaming Group e Rational Group Ltd hanno confermato la stipula dell’accordo definitivo per l'acquisizione del 100% delle azioni emesse da Oldford Groupin, ossia dalla holding attraverso cui la famiglia Scheinberg gestisce le poker room di PokerStars e Full Tilt Poker direttamente dall'Isola di Man.

Si attende il completamento della transazione ormai decisa

La vendita da 4,9 miliardi di dollari è ormai una certezza, poiché entrambi gli amministratori di Amaya Gaming e di Oldford Group hanno approvato all’unanimità un accordo, che entrerà nella storia del poker online internazionale. Tuttavia bisognerà attendere le dimissioni del PokerStars CEO Mark Scheinberg e degli altri azionisti della Oldford Group, che avverranno solamente alla fine della transazione.

Non cambia niente per i giocatori di poker online

L’accordo appena siglato tra Amaya Gaming e la famiglia Scheinberg, non porterà nessun cambiamento per i giocatori di poker online di queste due prestigiose piattaforme. Stiamo parlando di un’utenza complessiva delle 2 room, che si aggira sugli 85 milioni di utenti registrati, un’utenza che solo nel 2013 ha portato a fatturare ben 1,1 miliardi di dollari.

Nulla di nuovo o di diverso per tutti quei giocatori di PokerStars e Full Tilt Poker, che al massimo potranno dormire sogni più tranquilli, visto che oltre a non comportargli nessun problema, la vendita offre una maggiore garanzia dei nuovi “proprietari” che sono ben quotati in borsa.