WSOP 2013: Preite, Castelluccio e Dato al day 6

WSOP 2013 main event Gaetano Preite Sergio Castelluccio e Andrea Dato al day 6

Cade il sipario anche sul day 5 del Main Event delle WSOP 2013. Fra i 68 superstiti che passano al day 6 sono rimasti solo 3 italiani capitanati da Gaetano Preite che è seguito nel chip count da Sergio Castelluccio e Andrea Dato.

Primo italiano out Luca Moschitta

Il day 5 del main event WSOP 2013 ha segnato l’assottigliarsi del field da 239 giocatori a 68 che proseguiranno domani per il day 6. Durante la giornata di gioco vengono eliminati 2 italiani. Il primo ad essere eliminato durante il day 5 è Luca Moschitta al 151º posto. In questa posizione riesce a vincere 50.752$, circa 38.850€.

Moschitta viene eliminato da Cary Marshall. Ecco la mano fatale che fa uscire il player siciliano dalle WSOP 2013: Marshall apre puntando 50.000, Oliver Price tribetta a 127.000 da cut-off. Moschitta con in mano A♠K♥ quadribetta andando all-in dal small blind e dopo circa 2 minuti Marshall calla. Il fold di Price rivela le mani.

Marshall K♣K♠
Moschitta A♠K♥
Il board mostra alla fine
6♥6♣2♥8♥7♥
E mette fine al main event di Moschitta.

Alessandro Fasolis eliminato al 102º posto

Dopo un ottimo colpo al 22esimo livello dove riesce a portare il suo stak a 1.575.000 chip vincendo una mano che gli vale 1.192.000 fiches, un ulteriore risalita al 24esimo livello che lo porta a quota 1.670.000 chip, Alessandro Fasolis esce dal torneo al 102º posto per 50.752$.

I tre moschettirei del day 6: Preite, Castelluccio e Dato

Continua invece la corsa di Gaetano Preite, Sergio Castelluccio e Andrea Dato che terminano la giornata nelle seguenti posizioni:
13 Gaetano Preite, chipcount: 3.965.000
50 Sergio Castelluccio, chipcount: 1.655.000
57 Andrea Dato, chipcount 1.150.000

Se per Castelluccio e Preite questo è il primo ITM WSOP della loro carriera, per Andrea Dato si tratta del secondo ITM dopo l’ottima prestazione all’evento #36 delle WSOP e due eventi in zona premi sia alle WSOP 2012 che alle WSOP 2011.

Il premio minimo di chi esce nella 68esima posizione domani è di 102.102$. Ottima notizia per i “soci” di Castelluccio che secondo quanto aveva pubblicato sul suo Facebook dovrebbe aver venduto il 50% delle sue quote.

I grandi nomi che passano al day 6

Fra i grandi nomi (e pericolosi giocatori per i nostri azzurri) che passano al day 6 troviamo in decima posizione Yevgeniy Timoshenko, il giocatore ukraino che dopo diversi final tables WSOP è un possibilissimo candidato al final table attuale se non alla vincita.

Altri nomi ancora in gara: Dan Owen, Noah Schwartz, Carlos Mortensen – il vincitore del main event nel 2001 e di un braccialetto nel 2003, Vitaly Lunkin che vinse il torneo che festeggiava la 40esima edizione delle WSOP nel 2009. Un field di tutto riguardo che accanto a players con risultati del tutto mediocri in carriera elenca veri e propri “squali del poker.

Il chip leder è l’americano Sami Rustom a quota 7.050.000 chip.