WSOP 2013 Event #19: Dario Minieri ottavo

WSOP 2013 Event 19 Dario Minieri ottavo

Soltanto un ottavo posto per Dario Minieri all’Event #19 che dopo essere passato al Day 3 in quarta posizione si deve accontentare di 26.468 dollari. A vincere il torneo, in una mano a dir poco rocambolesca, il belga Davidi Kitai. ITM per Pierluigi Giglio. Giacomo Fundarò passa al Day 2 dell’Event #21.

E’ stato un grandissimo Dario Minieri quello che si è presentato all’Event #19 delle WSOP 2013. Purtroppo, però, il gioco aggressivo del pro romano non è stato sufficiente e il buon Darietto si è dovuto accontentare di un ottavo posto. Sicuramente un successo, se consideriamo che da un po’ di tempo a questa parte i risultati languivano, ma visto il quarto posto della giornata precedente, la speranza per noi era quella di vedere un bel braccialetto legato al polso.

Event #19 WSOP 2013: Dario Minieri ottavo

Dario Minieri, infatti, arriva al colpo decisivo dopo essersi accorciato parecchio. Quindi è costretto a mettere dentro tutte le sue chips anche con una mano marginale come K♣ 5♠ da bottone che trova il call di Dimitar Danchev da big blind con A♦ 3♠. Un board bianco ed il nostro caterpillar si deve accontentare di un’ottava posizione e di un premio di poco superiore ai 26.000 dollari. A vincere la prima moneta da 224.560 dollari, il fortissimo belga Davidi Kitai, vincitore dell'EPT Berlino 2012, in una mano a dir poco rocambolesca.

Event #19: il chip count

In Head’s Up, infatti, la sua coppia di Jf Jq ha la meglio sulla coppia di Kf Kp del Runner up Cary Katz (138.794$) grazie ad un Jc al flop. Un colpo che entrambi ricorderanno per un bel po’. Per quanto riguarda la classifica, invece, di seguito tutti i risultati

1 Davidi Kitai (224.560$)

2 Cary Katz (138.794$)

3 Vincent Bartello (103.628$)

4 Dimitar Danchev (77.893$)

5 Eugene Katchalov (58.912$)

6 Kristina Holst (44.844$)

7 Bertrand Grospellier (34.341$)

8 Dario Minieri (26.468$)

9 Chris Johnson (20.520$)

Event #20 ITM Pierluigi Giglio

Altri risultati per i giocatori azzurri arrivano anche dagli eventi successivi. Buona la prova di Pierluigi Giglio che all’Event #20 WSOP 2013 Omaha Hi-Low Split-8 Or Better si piazza 60esimo. Peccato per il player azzurro che aveva superato la giornata precedente piazzandosi nella parte alta del chip count. Per lui un premio di consolazione pari a 42366 dollari. Altro ITM per Simone Perruchini alla fine giochi 99esimo con 2819 dollari di vincita.

Event #21: c’è Giacomo Fundarò

Ma non è tutto perché nell’Event #21 No Limit Hold’em Six Handed a passare il Day 1 ci ha pensato Giacomo Fundarò, vincitore del WPT Mazagan 2012, che alla fine dei giochi si è piazzato 41esimo con 65.500 chips. Nulla da fare per Rocco Palumbo che non supera la prima giornata di torneo nella sua prima partecipazione alle WSOP 2013. E per il momento è tutto da Las Vegas, dove i giocatori italiani stanno disputando davvero un’ottima prestazione.