Poker Money List: salgono Phil Ivey e Negreanu

Poker Money List: salgono Phil Ivey e Negreanu

Grandi cambiamenti nella classifica Poker Money List globale. Con la vittoria al Main Event Daniel Negreanu si avvicina ad Erik Seidel, mentre Phil Ivey comincia ad insidiare il terzo posto detenuto da Phil Hellmuth. Antonio Esfandiari e Sam Trickett per il momento sono lontani anni luce.

Sono appena terminate le World Series of Poker di Melbourne che oltre a tanto spettacolo non hanno mancato di regalare tanti capovolgimenti di fronte. Fra questi ci sono senza dubbio i cambiamenti che hanno interessato la Poker Money List. E infatti gli ultimi risultati ottenuti da Phil Ivey e Daniel Negreanu alle WSOP Asia Pacific 2013 li hanno portati ad impensierire i player che si trovano davanti a loro, distanziati ormai di pochissimo.

Ivey a caccia del terzo posto

Per quanto riguarda Phil Ivey, vincitore alle WSOP Asia Pacific 2013 di un braccialetto all’Event 3 Mixed, la distanza contro il suo diretto antagonista Phil Hellmuth, che è terzo a circa 250.000 dollari più avanti, si è decisamente assottigliata. E con i suoi 17.633.676 il Tiger Woods del Poker, che di braccialetti ne ha vinti nove, comincia a farsi minaccioso nei confronti del buon Poker Brat che in ogni caso continua ad avere dalla sua 12 vittorie alle WSOP.

A Daniel Negreanu il Main Event

Ma Phil Ivey non è l’unico ad aver fatto dei notevoli passi avanti nella Poker Money List. E infatti, nonostante non abbia superato il grande Erik Seidel, appaiato ancora in quinta posizione, Daniel Negreanu, vincitore del Main Event WSOP Asia Pacific 2013, si è fatto decisamente vicino al suo diretto antagonista che ora lo distanzia soltanto di circa 150.000 dollari. Una cifra che sebbene sembri insormontabile per molti di noi, per giocatori di questo calibro è ridicola. E soprattutto per uno come Kid Poker che di dollari ne ha vinto 17, 476,836.

In vetta sempre Antonio Esfandiari

Certo, per raggiungere la vetta della classifica, dominata da Antonio Esfandiari, vincitore del Big One for One Drop, e da Sam Trickett, runner up nella stessa competizione, ci vorrà ancora un bel po’ di fatica. Ma intanto, l’obiettivo, è quello di superare i diretti concorrenti. Almeno per Phil Ivey che superando poker Brat raggiungerebbe il gradino più basso del podio. Un risultato che sarebbe sicuramente meritato per il giocatore più forte di tutti in tempi.