A Marzo Cash Game e Poker a Torneo in calo

A Marzo Cash Game e Poker a Torneo in calo

A marzo dl 2013 il poker cash game ed il poker a torneo fanno registrare un calo più che evidente. E mente il poker online continua nel suo trend negativo il poker live clandestino continua a crescere nella penisola nonostante l’assenza di una regolamentazione.

Non è certamente un periodo facile per il poker online italiano che nel mese di marzo fa registrare l’ennesimo dato negativo rispetto all’anno precedente. E se paragoniamo il poker cash game e il poker a torneo con lo stesso mese del 2012 i dati parlano chiaro. Nel primo caso, infatti, parliamo di un calo del 32,2% mentre nel secondo del 24,8%. Colpa della crisi economica che in questo periodo non sta risparmiando proprio nessuno e, probabilmente, del lancio delle slot machine online in real money avvenuto a fine anno.

Dati del 2012 e del 2013 a confronto

Dati alla mano il poker cash game nel marzo del 2012 faceva registrare quasi 20 milioni di euro a fronte dei 13,5 di quest’anno, mentre il poker a torneo (che pur essendo in negativo ha avuto un trend migliore del precedente) è passato dai 13,3 milioni del 2012 ai 10 del 2013. Dati certamente non positivi anche se il calo che c’è stato in quest’ultimo mese è di poco inferiore a quello avvenuto nel novembre e nel dicembre del 2012, quando si è toccato addirittura il 34%.

Crescita del poker live clandestino

Tuttavia, se da un lato il poker cash game e il poker a torneo giocati sulle poker room online stanno diminuendo drasticamente, dall’altro stiamo assistendo al moltiplicarsi dei club clandestini che consentono di giocare a poker live. Alcune città, infatti, tra cui Roma e Milano soprattutto, sono ormai piene di poker club, anche nella maggior parte dei casi i partecipanti spendono poche decine di euro per divertirsi un po’ in alcuni tornei tutt’altro che dispendiosi.

Poker live e poker online a confronto

Dunque, ci sarà un nesso fra il calo del poker online e la crescita del poker live clandestino? Difficile dirlo, ma i dati parlano comunque chiaro e nel momento in cui abbiamo visto scendere a picco il poker cash game e il poker a torneo il poker live sembra abbia ottenuto la sua rivincita. Peccato che alcuni servizi di alcuni programmi assai seguiti non hanno ancora dipinto in maniera veritiera una realtà che, seppure non regolamentata, è ben diversa da quella delle bische clandestine di parecchi anni fa.