Pesanti accuse su Partouche Poker.fr

 Patrick Partouche proprietario del Gruppo Partouche sotto accusa per la room

Ormai il Gruppo Partouche sta perdendo completamente la sua credibilità: l’operatore del poker online e live è al centro di scandali. L’ultima pesante accusa parla di account falsi sul “.fr” di Partouche Poker.

Su Partouche Poker “.fr” account illegali

Dalle ultime notizie che arrivano direttamente dai portali francesi, il Gruppo Partouche di proprietà di Patrick Partouche, questa volta l’avrebbe combinata proprio grossa. Infatti ci sarebbero delle prove relative alla creazione di account falsi sul portale di poker online Partouche Poker “.fr”. Questi account si riferiscono membri del gruppo stesso che si sarebbero anche concessi bonus per cifre esorbitanti, come decina di migliaia di euro!

40 account indagati dall’organo di competenza francese

Il totale degli account Partouche Poker “.fr” sotto accusa è di circa 40, e su questi sta indagando chi di dovere in Francia. Esattamente in questa nazione è l'Autorité de Régulation des Jeux En Ligne (ARJEL) a dover far luce sulla losca situazione. L’ARJEL che potremmo definire un ente come il nostro AAMS, sta esaminando anche i conti bancari dei proprietari del Gruppo Partouche, dove risultano versate ingenti cifre direttamente dagli account della room.

L’Amministratore del Partouche Gaming France “vince” 36.000€

A destare i primi sospetti ed a dare quindi il via alle indagini su determinati account Partouche Poker “.fr”, è stato un totale di ben 36.000€ di bonus ottenuti versando solo 175€ dall’utente con il nickname “yoenou”. Questo account sarebbe infatti di Katy Zenou, un membro del Gruppo Partouche, ed addirittura l’amministratrice del Partouche Gaming France. Inoltre un bonifico da 27.500€ sarebbe stato effettuato sul conto bancario dell’amministratrice, e proprio dall’account “yoenou”. Gli inquirenti hanno quindi valide prove per pensare che ci siano account illeciti collegati al Gruppo Partouche.

Il Partouche Poker “.fr” potrebbe anche non essere “in regola”

Ultima ciliegina sulla torta per le accuse al Gruppo Partouche sempre più criticato e messo in discussione, adesso arriva anche la possibilità che i requisiti tecnici della room Partouche Poker “.fr” non siano a norma con quanto richiesto dall’ ARJEL. Un altro punto a sfavore del marchio Partuoche che ha già visto tante polemiche per la sospetta collusion al PPT 2009 tra Jean-Paul Pasqualini e Cedric Rossi a sfavore del nostro Gianni Giaroni, e del montepremi prima garantiti poi ritirato di 5.000.000€ al PPT Palm Beach 2012.