Cambio di sede per l’ISPT: niente più Wembley

Cambio di sede per l’ISPT: niente più Wembley

Dopo i primi insuccessi collezionati dal gruppo Bernard Tapie sull’ISPT adesso arriva anche la notizia che l’International Stadiums Poker Tour non si giocherà più a Wembley. Un boccone amaro da digerire ma il basso numero di iscritti e il flop dei satelliti online non fanno certamente ben sperare.

Era stato pubblicizzato come uno dei progetti più ambiziosi del 2013, ma a quattro mesi circa dal suo inizio l’International Stadiums Poker Tour (ISPT) ha già tutta l’aria di un clamoroso flop. Adesso, infatti, a tutte le difficoltà che hanno caratterizzato l’organizzazione di questo torneo si è aggiunto il cambio della sede che non sarà più lo stadio di Wembely. Non certo una buona pubblicità per Bernard Tapie che fino ad ora nel mondo del poker sembra aver collezionato soltanto sconfitte.

ISPT: una serie di insuccessi

Del resto l’avventura dell’imprenditore francese nel mondo del poker non era cominciata nel migliore dei modi. Basti pensare al flop del gruppo Tapie riguardo l’acquisto di Full Tilt Poker che in seguito è passata sotto l’egida di Pokerstars. Ma non finisce qui, perché se da un lato il montepremi dell’ISPT doveva essere di venti milioni di euro, dall’altro sono scomparse le tracce in merito ad un premio garantito che adesso non c’è più.

Cambio di sede per il torneo

A questo dobbiamo aggiungere l’insuccesso dei satelliti online portati avanti da alcune poker room, che hanno deciso di rinviare la data o di abbassare il buy in. E adesso, dopo una serie di avvenimenti che non hanno certamente contribuito ad innalzare l’immagine dell’ISPT, è arrivata anche la notizia che il torneo non si svolgerà più nello stadio di Wembley ma in un centro congressi decisamente più piccolo della precedente location.

Un’immagine precaria

A conti fatti è probabile che Bernard Tapie abbia pensato che, visto l’esiguo numero di giocatori iscritti, uno stadio di Wembley con gli spalti vuoti avrebbe messo in cattiva luce il torneo. Se questo è vero, però, i continui cambiamenti e le ultime decisioni hanno sicuramente affossato la già precaria immagine dell’International Stadiums Poker Tour che oltre a presentare una scarsa affluenza si giocherà durante il periodo delle World Series of Poker.