Full Tilt Poker: ancora niente rimborsi

Full Tilt Poker ancora niente rimborsi

E' scoccata l’ora X ma i giocatori americani ed italiani non hanno ancora ricevuto i loro rimborsi. Tempi di attesa che si allungano in USA dove i soldi da restituire sono 159 milioni di dollari ed in Italia dove Pokerstars non ha ancora trovato un accordo con aams. Sorridono, invece, i giocatori francesi.

Sono ormai mesi che l’azione ai tavoli verdi di Full Tilt Poker è ricominciata. E se da un lato alcuni player come Viktor Blom e Gus Hansen a partire dal 2012 hanno ricominciato a dare spettacolo sulla Red Room, dall’altro non si hanno ancora notizie sul rimborso dei giocatori americani. Del resto la data di scadenza affinché le operazioni venissero portate a termine era il 31 gennaio del 2013, ma ad oggi che è scoccata l’ora X non sembra che si successo niente di nuovo.

I giocatori USA aspettano i loro soldi

Dunque, secondo quanto dichiarato dal Dipartimento di Giustizia Americano (Doj), i soldi da restituire ai giocatori a stelle e strisce sarebbero all’incirca 159 milioni di dollari per un totale di 1,3 player che avevano un conto su Full Tilt Poker. Una bella cifra che sarà difficile da riconsegnare in poco tempo, nonostante il Doj si sia affidato ad una società esterna per velocizzare le operazioni e soprattutto per porre fine a questa situazione.

E anche i player italiani

Come si suol dire, però, mal comune mezzo gaudio e anche i giocatori italiani continuano ad attendere un rimborso che non è ancora arrivato. Probabilmente una diretta conseguenza del fatto che nonostante Pokerstars abbia acquistato Full Tilt Poker, non ha voluto comprare una licenza nella penisola. Morale della favola i nostri giocatori, come successo per quelli americani, sono ancora a bocca asciutta, almeno per il momento.

Sorridono i francesi

E mentre i player italiani aspettano che Pokerstars riesca a trovare un accordo con l’amministrazione autonoma monopoli di stato, possono invece godere i player francesi che, invece, hanno finito di ricevere tutti i soldi che avevano presso i loro conti bloccati. Per adesso, allora, aspettiamo di vedere quanto questo tempo d’attesa verrà prolungato, anche se tutto lascia presupporre che ci vorrà ancora un po’ prima che la situazione si sblocchi in Italia ed USA.