Greg Merson vince il Main Event WSOP 2012

Greg Merson vince il Main Event WSOP 2012

Greg Merson trionfa sugli October Nine dopo un tavolo finale durato quasi 400 mani. Lo statunitense ha la meglio su Jesse Sylvia runner up del torneo e chip leader all'inizio del final table. Terzo classificato è, invece, Jake Barsinger. Per Merson arriva la consacrazione nell'Olimpo del poker.

Ci sono volute all’incirca 13 ore con oltre 400 mani giocate ma alla fine il tavolo finale più importante del mondo, quello del Main Event WSOP 2012, è giunto al suo epilogo. Un’avvincente maratona ed una lotta davvero serrata che alla fine dei conti ha visto alzare le braccia al cielo al neo campione del mondo, Greg Merson, primo fra gli October Nine e vincitore del tavolo finale più importante del pianeta, quello delle World Series of Poker.

Jake Balsinger: terzo classificato

Non è stata, però, una vittoria facile quella che Greg Merson si è portato a casa perché già il terzo classificato si è rivelato davvero un osso duro, capace di opporre al tavolo un resistenza fuori dal comune. Jake Balsinger, però, dopo circa 380 mani giocate va in All In con Q♥ T♦, ma trova il call di Merson che mostra K♣ Q♠. Il board è bianco con 6♠ 6♦ 6♣ J♣ 5♥ e Balsinger se ne va a casa accontentandosi (si fa per dire) di 3.799.073 dollari.

L’Head’s Up finale: vittora per Merson

Il capitolo finale degli October Nine, allora, ha visto fronteggiarsi Greg Merson e Jesse Sylvia che dopo essere partito in testa al chip count del final table, si è ritrovato ad affrontare un avversario con un monster stack davvero imponente. L’epilogo, però, del Main Event WSOP 2012 è giunto alla 399esima mano. Apre Jesse Sylvia per 9.5 milioni e Merson decide di mandare i resti. Sylvia ci pensa su due minuti e poi decide per il call.

La mano vincente per Merson

Alla resa dei conti finale, allora, Greg Merson mostra K♦ 5♦ contro Q♠ J♠ di Sylvia e un board bianco, che recita 9♦ 6♣ 3♥ 6♠ 7♣, regala la vittoria a Merson. Tanto rammarico forse per il runner up degli October Nine che si porta a casa comunque un premio di 5.295.149 dollari. Per Greg Merson, invece, grazie a questa importantissima vittoria arriva anche la consacrazione; e non è un caso che Phil Ivey abbia già ingaggiato Merson da diverso tempo.

Il Tiger Woods del poker, infatti, oltre ad essere il più forte giocatore al mondo ha dimostrato ancora una volta di avere l’occhio lungo. Dunque, si conclude così il capitolo più avvincente del 2012, con tavolo finale scoppiettante e soprattutto con un epilogo più che degno per quello che da tutti gli amanti del poker viene considerato l’evento dell’anno.