Full Tilt Poker: difficoltà in Italia

Full Tilt Poker: difficoltà in Italia

Le trattative per il rimborso dei giocatori italiani con i fondi bloccati su Full Tilt Poker rischiano di saltare. A comunicarlo un portavoce di Aams che ha parlato di alcune difficoltà inerenti alle trattative con Pokerstars. Di conseguenza il futuro dei nostri player resta incerto e le previsioni per il 6 novembre, giorno di riapertura della Red Room, sembrano nere.

Sembrava che la vicenda Full Tilt Poker fosse giunta ad un lieto fine, ma evidentemente non è così per i player italiani. A comunicarlo è stato un portavoce dell’Aams che ha spiegato quanto l’accordo per i rimborsi ai giocatori con i fondi bloccati sulla Red Room sia davvero lontano. Dunque, un fulmine a ciel sereno per tutti quelli che si aspettavano di ricevere i loro fondi almeno sotto forma di bonus nel giorno della riapertura della poker room, cioè il 6 novembre del 2012.

Rimborsi sotto forma di bonus su Pokerstars; difficoltà in corso

Del resto, stando alle trattative che sono andate avanti negli ultimi tempi, si parlava di una restituzione sotto forma di bonus da giocare su Pokerstars.it. Ipotesi che ora come ora sembra più lontana che mai, visto che in Italia la legislazione è piuttosto particolare. Diverso è il copione per altri paesi come la Francia dove la questione legata ai rimborsi dei giocatori di poker è più semplice. In Italia, però, c’è una legislazione nazionale che complica decisamente le trattative.

Difficoltà per i player italiani: quale soluzione?

Resta ancora da capire se i nostri giocatori riusciranno in qualche modo a mettere mano ai loro fondi, ma stando a quanto abbiamo capito, la data del 6 Novembre sembra un lontano miraggio e le trattative sono giunte ad un momento di stallo. E allora quale sarà il futuro di Full Tilt Poker in Italia? Riusciranno i nostri player a mettere mano ai loro fondi almeno sotto forma di bonus su Pokerstars? Per il momento il miraggio sembra piuttosto lontano.