Partouche Poker Tour, cala definitivamente il sipario

Patrick Partouche annuncia a Cannes la fine del partouche poker tour dopo le polemiche sul prizepool garantito

In seguito alla polemica sul montepremi garantito del main event e ai commenti quasi “velenosi” di alcuni dei giocatori, il direttore generale del gruppo Partouche, Patrick Partouche, ha annunciato la fine del Partouche Poker Tour.

È successo giovedì 6 settembre a Cannes. Patrick Partouche, il direttore generale del gruppo Partouche, ha annunciato que questa edizione del Partouche Poker Tour sarebbe stata l’ultima. Questo a causa delle violente polemiche sollevate sull’argomento del montepremi garantito del torneo, fissato inizialmente a 5 milioni di euro, e ridotto dopo che il numero di iscritti al main event si è rivelato nettamente inferiore alle previsioni.

Lunedì 3 e martedì 4 settembre, tutte le polemiche

È stato durante questi 2 giorni del main event che è nata la polemica sul prizepool garantito. Gli organizzatori avevano promesso, almeno sul sito ufficiale del torneo, 5 milioni di euro. Dopo i 3 milioni dell’edizione del 2010 e i 4 dell’edizione del 2011, tutti si aspettavano questi 5 milioni di € in palio.

Il problema è nato quando è stato definito il numero dei giocatori iscritti che hanno pagato il buy-in da 8.500€: solo 573 iscritti che hanno generato un montepremi di “soli” 4.264.580€. Al day 2 del main event, in seguito all’annuncio del valore del montepremi “de facto”, molti giocatori avevano minacciato di boicottare l’edizione del 2013. Fra questi anche Vanessa Selbst, vincitrice del main event nel 2010 e una delle migliori giocatrici di poker al mondo.

L’annuncio di Patrick Partouche

La dichiarazione di Patrick Partouche è stata estremamente chiara: Ecco la traduzione di quanto il direttore generale ha comunicato giovedì 6 settembre:

"Ho sentito, ho visto e mi è stato riferito che quello che il gruppo Partouche ha fatto non è abbastanza e che al limite fosse anche disonesto. Il Partouche Poker Tour porta il mio nome, quello della mia famiglia. Dopo 40 anni in questo business, leggere frasi come ‘Partouche ladro, Partouche imbroglione’ è inaccettabile per me e per il mio staff.

Per questo vi annuncio che state giocando l’ultima edizione del Partouche Poker Tour. Domenica sarà l’ultima giornata del tour in assoluto. Noi ci apriremo a nuovi orizzonti e speriamo che altri operatori di poker metteranno tutta l’energia, la passione e la volontà per permettere a questo gioco di continuare ad entusiasmare gli appassionati, e fra questi anch’io, come molti dei presenti sanno.

Ho fatto tutto per passione, non ho niente di cui vergognarmi. Adesso che arrivino giocatori con un ego gonfiato, e che non sono per giunta nemmeno arrivati alle fasi avanzate del gioco, e che mi danno dell’imbroglione, questo è troppo ed è inaccettabile.

Il prizepool garantito non è mai stato fissato a 5.000.000€, in nessuna pubblicità o comunicato da noi pubblicato. È possibile che alla fine della precedente edizione del torneo sia stata emessa una comunicazione euforica nella quale si è parlato di una tale cifra.

Vorrei annunciare, quindi, il “shuffle-up and deal” di questa ultima edizione del Partouchye Poker Tour, e per concludere vorrei citare una frase che mi è stata detta non molto tempo fa: ‘Se ti sputano addosso, non sei obbligato a dire che è pioggia’.

Ci sono cose che accetto e cose che non accetto. Vi abbraccio tutti, vi auguro un buon torneo e di vincere il primo premio di un milione di euro garantito in passato e garantito anche adesso.”