Donne & Poker: online o live, sono le migliori!

Donne e poker: unione vincente alle WSOP 2012 e non solo

Parità uomo donna: nel mondo del poker questo non accade. No! Non ci sono troppi uomini rispetto al “gentil sesso”, ma sono le donne che stanno letteralmente andando alla conquista di questo settore, anche nelle recenti WSOP 2012.

Dal 2008 un braccialetto non andava a una donna, ma ieri…

Allyn Jaffrey Shulman ha rotto quella catena che si era consolidata dal 2008, quando per l’ultima volta un torneo delle World Series Of Poker venne conquistato da una donna. Dopo 4 anni di imposizioni maschili nei mondiali di poker live, una delle tante donne “imprenditrici” di se stesse come professional poker player, ha conquistato un braccialetto delle WSOP 2012.

Al Rio Casinò di Las Vegas, l’evento 29 ossia il Seniors No Limit Hold'em Championship da 1.000$ di buy-in e 4.128 iscritti, è terminato con Allyn Jaffrey Shulman (signora che nella vita è un avvocato) che si è imposta su di un Final Table pieno di campioni. Hoyt Corkins che ha già 2 braccialetti, insieme a Dennis Phillips che arrivò 3° nel Main Event WSOP 2008, non sono stati capaci di fermare la Shulman nella conquista al braccialetto WSOP 2012 e relativi 603.713$! Lo stesso evento WSOP fu conquistato nel 2006 da un’altra donna: Claire Miller che si aggiudicò 247.814$.

WSOP: Prima della Shulman ci fu Vanessa Selbst

Fu Vanessa Selbst nel 2008, l’ultima donna a vincere un evento di poker delle WSOP prima di Allyn Jaffrey Shulman. La Selbst è un’altra importante figura femminile nel mondo del poker live: a parte quell’impresa, dal 2006 (anno in cui ha iniziato a giocare) ad oggi, Vanessa ha avuto una grande carriera da giocatrice che ancora è in salita. Tantissimi piazzamenti in eventi EPT, WPT, WSOP (anche ora è all’opera alle WSOP 2012), e podi come quello del NAPT di PokerStars, la hanno resa celebre il tutto il pianeta.

E per l’Italia c’è Irene Baroni: dal Bridge al Poker

Le carte le ha sempre avute in mano da tanto tempo, anche se prima non le usava per giocare a poker. La giocatrice della nazionale di Bridge Irene Baroni, è un’altra donna che ha trovato la sua vera “vocazione” verso il mondo del Texas Hold’em e del poker in generale.

Lei non è in gioco alle WSOP 2012, ma è appena entrata a far parte del team Pro di una room: la Baroni ha approfittato dell’occasione del convegno tenutosi ad Enada Rimini "Uomini e donne che sesso ha il poker", per annunciare che dopo aver vinto un torneo di poker dove vi erano soli uomini, ha avuto una bella soddisfazione ed ha deciso di dedicarsi a questo settore. Anche Irene Baroni, ha confermato che il pubblico femminile si sta avvicinando sempre più a questo mondo.

E nel poker online? Anche qui le donne s’impongono

Lo dicono i dati, anche nel gioco virtuale “l’accoppiata” donna e poker è sempre più presente, e perché no, anche sempre più vincente. Da quanto riportato da NetBetPoker.it, il 60% del totale di coloro che frequentano poker room è “donna”, e la maggior parte di questo 60% si identifica in profili che vedono soprattutto giocare signore e signorine tra i 25 ed i 44 anni.

I dati riportati dallo studio di questa room, confermano anche che il gentil sesso non è affatto sprovveduto al tavolo verde: le donne conoscono bene le strategie del poker e le applicano insieme al loro “sesto senso” per divertirsi e per vincere.







Commenti recenti

Io sono decisamente convinto 20 Giugno 2012 - 11:11 Commentato da il pinguino

Io sono decisamente convinto che il poker sia molto più adatto agli uomini! Altro che donne!!! Donne, state a casa a lavare, stirare e rammendare che al poker ci pensiamo noi! ;)