Wynn aiuta PokerStars a pagare 1.350.000.000$

PokerStars & Full Tilt Poker anche un miliardario USA nel affare

PokerStars sta “lavorando” per accordarsi col DOJ sull’acquisizione dell’ex Full Tilt Poker, ma le ultime notizie vedono una partnership in corso proprio tra PokerStars ed un noto miliardario che contribuirebbe con il suo capitale alla compravendita.

Ad aiutare PokerStars arriva Steve Wynn

Entra in scena un altro protagonista nella lunga vicenda di Full Tilt Poker e della sua futura sorte: è un imprenditore statunitense che opera da anni nel settore di alberghi e casinò, conosciuto e stimato in particola modo per aver contribuito alla grandissima espansione della Strip di Las Vegas. Nato a New Haven nel 1942 questo miliardario è Stephen Alan Wynn, conosciuto meglio come Steve Wynn.

Isai Scheinberg e Steve Wynn partner ed amici

Wynn è da tempo in contatto con Isai Scheinberg, il fondatore di PokerStars, con il quale ha stretto un’amicizia in passato e con il quale aveva già avuto modo di collaborare in questo settore poco prima del Black Friday del poker online.

Adesso che PokerStars è alle prese con l’intento di soddisfare le richieste del DOJ (prima tra tutte il risarcimento in breve tempo dei players dell’intero pianeta), e per rilevare Full Tilt Poker si trova a dover fronteggiare l’esborso di ingenti cifre, Steve Wynn sarà al suo fianco per aiutarla nelle spese. Nel caso dunque che PokerStars riuscisse ad accordarsi col DOJ, anche Steve Wynn rientrerà “nell’affare”.

PokerStars dovrà rimborsare ai players 330.000.000 di $

Le stime di quanto PokerStars si ritroverà a dover restituire ai giocatori di poker con i conti congelati di Full Tilt Poker, arriva all’esorbitante cifra di 330 milioni di dollari. A questo importo, dovranno poi essere aggiunti ulteriori 420 milioni di dollari che sempre PokerStars dovrà sborsare, e questa volta si tratta di fondi da restituire direttamente al DOJ, per eliminare le pendenze di cause civili e penali derivanti dal Black Friday.

Sommando queste due cifre si arriva già a 750 milioni di dollari, ma non si deve dimenticare che, anche se ancora non ufficializzato, il prezzo d’acquisto di Full Tilt Poker era stato stabilito a 600.000.000 di dollari. Se tutti e 3 i dati fin qui riportati fossero confermati, tirando le somme PokerStars si troverebbe ad avere “un debito” pari a 1.350.000.000 dollari. In questo caso, l’aiuto e l’entrata in scena del miliardario Steve Wynn sarebbero decisamente importanti per proseguire l’acquisizione della room “incriminata”.