Jonathan Duhamel aggredito in casa

Jonathan Duhamel, campione WSOP 2010 vittima di un’aggressione

Era il 2010, quando l’evento principale di uno dei tornei di poker Texas Hold’em più importanti del mondo, decretava campione il canadese Jonathan Duhamel. Fu lui, a trionfare al Final Table del Main Event WSOP 2010 dove c’era anche il nostro Filippo Candio. Duhamel è appena stato oggetto di un’aggressione nella sua casa in Canada.

Jonathan Duhamel, il vincitore WSOP di 8,9 milioni di $

Il campione si aggiudicò 8,9 milioni di $ del 1° premio, e da quel giorno, il nome di Jonathan Duhamel è rimasto ben impresso a tutti gli appassionati del grande poker live e dei grandi professionisti del settore.

Oggi sentiamo un’altra volta “parlare” di lui nei giornali canadesi, ma questa volta non si tratta di poker, ma di un’aggressione che ieri mattina ha subito Jonathan Duhamel, verso le 9 e 15 (ora locale) direttamente in casa sua.

L’aggressione al campione WSOP 2010

Non sono ancora noti i motivi per i quali Jonathan Duhamel sarebbe stato l’oggetto di quest’aggressione, si conosce solo il particolare che descrive i due impostori suonare al campanello di casa del poker player, trovando lo stesso Jonathan Duhamel che aprendo chiedeva cosa desiderassero.

I due sconosciuti hanno invaso la casa del player (situata a Boucherville, in Quebec, nel Canada) e lo hanno ferito in una colluttazione. Jonathan Duhamel è riuscito comunque a chiamare i soccorsi ed è stato portato in ospedale.

Gli investigatori indagano sugli aggressori di Jonathan Duhamel

Prima di tutto, gli investigatori canadesi stanno cercando di farsi fornire un identikit dei malviventi da Jonathan Duhamel, che è uscito il giorno stesso dall’ospedale, poiché fortunatamente aveva solo ferite lievi. A confermare la buona salute del campione WSOP 2010, anche Philippe Jette, l’agente di Jonathan Duhamel che desidera non rendere noti troppi dettagli per non intralciare le indagini.

Tra le ipotesi prese in considerazione dalla polizia locale, c’è un eventuale tentativo di rapimento di Jonathan Duhamel per richiedere soldi alla famiglia, oppure l’intenzione dei due di rubare gli oggetti preziosi nella casa, o infine, una “vendetta” privata da parte di qualcuno che aveva vicende personali in sospeso con il player, ma anche questa è solo un’idea senza riscontri. Vedremo se la polizia riuscirà a risalire ai malviventi ed al motivo dell’aggressione a Jonathan Duhamel.