Manhattan, strip poker e wall street

Strip Poker artistico a Wall Street

Wall Street, sede permanente della Borsa di New York e simbolo dell’industria finanziaria, è il luogo dov’è facile trovare passanti con cravatta e valigetta porta documenti, quasi sempre professionisti del settore. Qui, nel cuore di Manhattan, circa 50 “professionisti” si sono riuniti per uno strip poker giocato davanti ad una vetrina ed a tanti passanti, per ben 7 giorni (dal 12 al 19 novembre).

"I’ll Raise You One": i professionisti di Wall Street a nudo ?

I “professionisti” di Wall Street nella realtà sono persone comuni che hanno indossato (ma poi tolto!) i panni dei grandi operatori finanziari, e che lo stanno facendo tutt’ora poiché sono parte dell’opera "I’ll Raise You One" di Zefrey Throwell, artista newyorkese, che ha voluto partecipare proprio con uno strip poker al festival d’arte in corso nella “Grande Mela”.

Lo strip poker è costantemente sotto gli occhi di tutti in una vetrina di “Art in General”, spazio espositivo d'arte contemporanea non-profit, che dal 1981 si trova nei pressi di Wall Street e propone artisti che coinvolgono il pubblico nel loro lavoro.

Lo strip poker metafora di un’economia in crollo

L’opera artistica con lo strip poker, è stata ispirata a Zefrey Throwell dalla crisi economica che ha colpito il suo paese, ed esattamente dal crollo finanziario del 2008 di cui è simbolo Wall Street. In quell’occasione, la famiglia dell’artista ebbe importanti perdite economiche e gravi conseguenze.

Così ecco perché, ogni giorno, 7 differenti persone sedute ad un tavolo da poker posto davanti ad una vetrina, si giocano i loro vestiti rimanendo letteralmente “in mutande” davanti a Wall Street. A quanto pare, lo strip poker rappresentativo della crisi, richiama molta attenzione tra i passanti che attendono anche del tempo pur di veder perdere qualche giocatore di poker. Le ultime notizie riportano che tre dei “rappresentanti dell’opera d’arte” di Throwell, dopo aver perso veramente tutto, sono stati arrestati dagli agenti di polizia di Wall Street (per poi uscire grazie alla cauzione pagata dall’artista stesso).

L’opera di Zefrey Throwell specchio della realtà di Wall Street

L’artista che ha utilizzato uno strip poker per rappresentare il suo pensiero è già noto a New York per i suoi nudi artistici, ed in particolare per l’opera “Ocularpation”, che ad agosto scorso a Wall Street, vide spogliarsi in mezzo alla strada ben 50 persone vestite da impiegati.

Quanto l’artista vuole evidenziare con le sue opere, si rispecchia anche con quanto sta accadendo proprio lì dietro Wall Street, a sud di Manhattan, dove proprio in questi giorni la polizia sta sgombrando Zuccotti Park. Infatti, con la protesta “Occupy Wall Street” che ha visto accampare tantissimi manifestanti a Zuccotti Park per reclamare contro la finanza, stanno sorgendo tante altre iniziative simili nel resto del paese che vede un’economia in forte discesa.