Full Tilt Poker, riapertura a gennaio?

Full Tilt Poker, riapertura a gennaio?

Full Tilt Poker potrebbe riaprire nel gennaio 2012. E’ questo il sogno della nuova direzione che spera in una breve conclusione dei lavori. Restano ancora alcuni nodi da sciogliere con la Alderning Gambling Control Commission e con il Dipartimento di Giustizia americano.

Se fino a pochi mesi fa la riapertura di Full Tilt Poker sembrava un miraggio lontano, ormai i presupposti perché la poker room possa riaprire a breve ci sono proprio tutti. E non ci stupisce il fatto che i manager della Red Room stiano pensando di rimettere in moto il colosso del poker online entro gennaio del 2012. Certo, per il momento si tratta solo di un sogno, anche perché di nodi da sciogliere ce ne sono ancora tanti.

Nodi da sciogliere con la AGCC

Le questioni a cui Bernard Tapie dovrà trovare una soluzione riguardano soprattutto la Alderning Gambling Control Commission (AGCC) con cui le trattative sembrano bloccate. Inoltre il sito, per rimettersi in regola, dovrà rimborsare moltissimi giocatori di poker che aspettano di vedere i loro fondi sbloccati. Una soluzione a questo problema potrebbe essere quella di attivare una licenza primaria temporanea con la Kahnawake Gaming Commission (KGC).

Trattative con il Dipartimento di Giustizia americano

E se da un lato la nuova direzione di Full Tilt Poker afferma che l’accordo con il Dipartimento di Giustizia Americano (Doj) è sulla buona strada, dall’altro lato le dichiarazioni che arrivano da Manhattan sembrano un po’ diverse, o se non altro più attendiste. Ma c’è di più. Se nel suo precedente incarico con Partouche Bernard Tapie era riuscito ad ottenere una licenza a Gibilterra, ora potrebbe essere intenzionato a ripercorrere la stessa via con Full Tilt Poker.

E cosa succederà nell’immediato? Sarà possibile giungere alla riapertura della Red Room nel gennaio 2012? Per il momento gli elementi che abbiamo a disposizione sono troppo pochi e forse, come spesso sta accadendo in queste ultime settimane, saremo costretti ad aspettare ancora un po’ prima di ascoltare una risposta definitiva.