Full Tilt Poker, udienza il 19 settembre

Full Tilt Poker udienza il 19 settembre

Le ultime notizie riguardanti Full Tilt Poker parlano chiaro. L’udienza è stata rinviata al 4 settembre, ovvero 4 giorni dopo il termine massimo che era stato stabilito durante il primo incontro del 26 luglio. Non si conoscono ancora bene le ragioni per cui la Alderning Gambling Control Commission (AGCC) abbia rinviato la data finale in cui verrà deciso il futuro della Red Room.

Tuttavia alcune voci di corridoio, fanno pensare che il termine limite sia stato posticipato per permettere alla poker room di finalizzare la vendita. Dunque, una notizia che al momento sembrerebbe confortante e che potrebbe dare modo a Full Tilt Poker di rimborsare tutti i giocatori con i conti congelati che certamente non hanno gradito il comportamento della Red Room durante questa vicenda.

I motivi del rinvio

Insomma, sebbene al momento non ci sia nulla di ufficiale, se non altro abbiamo la certezza che questa udienza possa definitivamente chiudere uno dei capitoli più neri della storia del poker online. A tal proposito è probabile che la Alderning Gambling Control Commission abbia decretato questo rinvio proprio per dare a Full Tilt Poker il tempo necessario a formalizzare le trattative inerenti alla vendita. Sarà vero?

Ultime notizie sulle trattative

Per il momento l’unica cosa certa è che l’udienza non slitterà ulteriormente. E anche se sembrerebbe che la trattativa con i possibili finanziatori europei non sia più una via possibile per il futuro della poker room, secondo quanto si evince dalle dichiarazioni sul forum 2+2, potrebbe esserci uno spiraglio. Gli azionisti di Full Tilt Poker, data la situazione, sembrerebbe che ora come ora siano disposti, onde evitare il fallimento, a cedere gran parte delle loro quote a zero.

Dunque, saranno giorni di grande attesa e di speranza per tutti quei giocatori che hanno dovuto attendere una risposta dopo che quel venerdì nero che ha bloccato per così tanto tempo i loro conti. E allora staremo a vedere cosa succederà a questo ex colosso del poker online che nel bene o nel male continua ancora a far parlare di sé.