Steve Wynn, acquisto di Bwin-Party?

Steve Wynn, acquisto di Bwin-Party?

Se prima pensava che il poker online non sarebbe stato un buon affare per via della complicata legislazione vigente, sembrerebbe proprio che adesso Steve Wynn abbia davvero cambiato idea.

Steve Wynn, voci sull'acquisto di Bwin-Party

Stando alle voci che circolavano ieri negli ambienti finanziari della City di Londra, il miliardario statunitense avrebbe presentato un'offerta di acquisto per il colosso europeo Bwin-Party, nato dalla fusione tra Bwin e PartyGaming. Secondo alcuni l'offerta avrebbe raggiunto le 170 sterline per ogni singola azione, anche se sono in molti a sostenere che Wynn non farà nulla fino a quando il gioco online non verrà definitivamente legalizzato negli USA.

Pressioni su Washington

Tuttavia, sebbene un acquisto immediato da parte del miliardario statuintense non sembra ancora l'ipotesi più attendibile, vista la situazione molto incerta, sembra proprio che Wynn stia pressando Washington per approvare una nuova legislazione sul gioco oinline. E l'ipotesi che il magnate americano possa entrare in Bwin-Party potrebbe diventare molto più attendibile fra non molto tempo, quando le poker room avranno trovato il giusto assetto.

Inoltre fino a poco tempo fa Steve Wynn si era schierato contro la legalizzazione del poker online perché non riusciva a scorgerne le possibilità economiche, ma con la crisi che si è abbattuta in Nevada anche lui ha decisamente cambiato opinione e lo scorso febbraio ha portato avanti una joint-venture con PokerStars. A interrompere le trattative ci pensato poi il Black Friday.

Una porta per Bwin-Party negli USA?

Detto questo avere Steve Wynn come socio in affari significherebbe per Bwin-Party avere una porta privilegiata per poter entrare direttamente nel mercato statunitense. E sebbene dopo il Black Friday le azioni del colosso del poker abbiano avuto una forte impennata, l'andamento del mercato non è stato quello sperato, anche perché PokerStars, a differenza di Full Tilt Poker, ha ripreso quasi totalmente il suo traffico.

Le azioni: crescita e risalita

Se a questo aggiungiamo la crisi dei mercati finanziari, allora ben si comprende il motivo per cui i titoli di Bwin-Party abbiano toccato un minimo mai raggiunto prima. E questo è successo fino a quando si sono sparse le voci di un possibile acquisto di Steve Wynn, momento in cui hanno registrato una clamorosa impennata. Ci chiediamo, però, se si tratti di semplici voci e se le fonti da cui è stata attinta questa notizia siano davvero attendibili.