Daniel Negreanu e l’Epic Poker League

Daniel Negreanu e l’Epic Poker League

Si è da poco concluso la prima tappa dell’Epic Poker League, la serie di tornei inaugurata proprio quest’estate al casino Palms. Ed è stato proprio lo statunitense David “Chino” Reem ad alzare le braccia al cielo portando a casa il premio di un milione di dollari del Main Event. Grande assente del torneo Daniel Negreanu secondo cui il torneo non ha futuro.

Insomma, un premio niente male per la prima edizione di questa competizione molto selettiva alla quale, in base ai criteri di scelta, possono partecipare soltanto i giocatori che hanno vinto un numero ben preciso di tornei, piazzamenti e vincite in denaro. E date le circostanze, visto l’alto livello dei partecipanti, lo spettacolo non è mancato in questa prima tappa dei quattro tornei che culmineranno nel torneo finale del febbraio 2012.

Vince David Reem

Dunque, come dicevamo a vincere è stato David “Chino” Reem che, dopo un derby tutto statunitense all’heads-up finale del Main Event, è riuscito a spuntarla su Erik Seidel. E mentre il Chino si gode il suo bel milione di dollari e può mostrare il prestigioso anello messo in palio al vincitore, Seidel non si può di certo lamentare perché con questo risultato si conferma ancora una volta il primo giocatore di tutti i tempi, avendo incassato ben 16,6 milioni di dollari in tutti i tornei live. Uno scontro finale che, visto il delicato momento di David Reem, ha destato ancora più interesse.

Daniel Negreanu: un torneo senza futuro

Tuttavia, sebbene lo spettacolo non sia di certo mancato in questa prima edizione del torneo, non tutti i pareri sono favorevoli. Daniel Negreanu, grande assente della competizione, nonché numero due del mondo, ha dichiarato che questa serie di tornei non ha futuro per diversi motivazioni. In primis, secondo il giocatore canadese, il Main Event non ha rake e non può pagare le ingenti spese che un torneo del genere comporta. In secondo luogo, dato il difficile momento del poker online negli USA, non è certamente facile trovare in questo periodo una sponsorizzazione adeguata che permetta di comprare degli spazi televisivi. In più non è proprio il miglior momento per aprire una nuova poker room. Detto questo, per vedere se KidPoker ha effettivamente ragione, bisognerà aspettare il 2 settembre, data in cui comincerà la seconda tappa dell’Epic Poker League. Solo allora potremmo vedere se Negreanu ha veramente ragione.