WSOP 2011, fuori gli italiani

WSOP 2011 eliminati gli italiani

A poche ore dall’inizio del Day 7 del Main Event WSOP 2011 i giocatori rimasti in gara sono in tutto 57 e fra questi, purtroppo per noi, non c ‘è il nome di nessun italiano. Gli unici azzurri ad aver raggiunto il Day 6, Massimiliano Martinez e Alessandro Pastura, vengono entrambi eliminati a seguito una mano sfortunata.

Sono in tutto 57 i giocatori che prenderanno parte al Day 7 del Main Event WSOP 2011, ma purtroppo per noi fra questi non c’è il nome di nessun italiano. Gli unici due azzurri che erano riusciti a qualificarsi al Day 6, ovvero Alessandro Pastura e Massimiliano Martinez (rispettivamente numero 28 e 62 nella classifica entrante) sono stati eliminati nel corso di questa giornata a seguito di una mano a dir poco sfortunata. Dunque, si esauriscono così le speranze di vedere un braccialetto legato al polso di un giocatore italiano.

Fuori gli italiani dal Main Event

Un finale amaro per Alessandro Pastura che esce poco dopo l’inizio di questo Day 6 eliminato dallo statunitense Phil Collins. Vediamo come è andata veramente. Nel corso di questa mano Pastura, che si trovava in middle position, rilancia fino a 52.000 chips e viene subito seguito da Callins che a sua volta rilancia fino a 220.000 chips. L’azzurro rilancia ulteriormente fino a 552.000 e Callins va in All-in seguito da Pastura che non ci pensa su due volte. Lo showdown non è certo dei migliori per il giocatore italiano che mostra Asso Jack contro l’Asso Kappa dello statunitense. E se fino al turn sembrava possibile uno split-pot, a decidere è stato il river che con un Kappa regala la mano allo statunitense e sancisce l’eliminazione di Pastura. Martinez, invece, esce poco dopo eliminato da De Gilio (Asso Jack vincenti per lui) dopo aver mancato un progetto di scala.

Classifica generale

Insomma, un finale amaro per due giocatori che, arrivati fino a questo punto, per un momento ci avevano fatto ben sperare. Ma se gli italiani escono definitivamente dal torneo più importante del Texas Hold’em, le sfide continuano e a dominare la classifica ci sono sempre i giocatori statunitensi. Alla vigilia del day 7 il chip leader è James Lenaghan con uno stack di 12.865.000 seguito dai connazionali Ben Lamb e Matt Giannetti. Buona anche la presenza russa con Andrey Pateychuk e Alexandr Mozhnyakov, rispettivamente quarto e nono. E ora il torneo entra veramente nel vivo.