Full Tilt Poker: benefici alle altre poker room

Full Tilt Poker va giù, mentre le altre poker room vanno su

Full Tilt Poker è alle prese con i suoi problemi che non fanno più essere online la grande poker room, e mentre l’Alderney Gambling Control Commission (AGCC) le ha sospeso la licenza, gli altri operatori del poker online sono avvantaggiati dalla bufera che ha portato tanti giocatori a guardarsi intorno.

I giocatori di poker alla ricerca di un’alternativa a Full Tilt Poker

Le cifre ed i dati che le altre poker room hanno reso noti, evidenziano chiaramente come il blocco di Full Tilt Poker si sia rivelato un evento a loro favore.

Tanto per fare qualche esempio, dopo che il colosso del poker online Full Tilt Poker è stato costretto (almeno momentaneamente) a chiudere, poker room quali PokerStars ed 888 Poker hanno riscontrato un significativo incremento dei loro utenti, soprattutto per quanto riguarda il settore europeo.

Le azioni di Bwin.Party giovano della situazione di Full Tilt Poker

Oltre a ricevere nelle loro poker room il grande bacino di utenti che fino a pochi giorni fa si ritrovavano su Full Tilt Poker, gli altri importanti operatori del settore hanno visto per la loro gioia, aumentare la quotazione delle proprie azioni.

In prima linea troviamo Bwin.Party (società nata dalla fusione tra Bwin e PartyGaming), che come conseguenza della situazione della poker room di Full Tilt Poker, si è ritrovata con un aumento delle sue azioni dell’11,5% arrivando a quota 148.34 punti.

Intanto PokerStars rassicura i propri giocatori: la sua licenza è ok

La vicenda di Full Tilt Poker, che la AGCC ha spiegato come conseguenza di un’indagine effettuata su accuse verso i fondatori di tale poker room che ha portato a risultati con necessaria adozione della drastica misura di chiusura, ha fatto preoccupare anche i tanti utenti di un altro colosso del poker online: PokerStars.

Per calmare le paure dei suoi giocatori, la poker room di PokerStars ha appena diffuso un comunicato stampa che sottolinea la stabilità delle proprie licenze e la totale sicurezza dei fondi dei suoi utenti. In tale comunicato stampa, si legge che “La Commissione di Gaming dell'Isola di Man oggi ha ribadito che le licenze in tutto il mondo di PokerStars sono in regola e che le nostre attività sono nel pieno rispetto di tutte i requisiti richiesti……. PokerStars rimane anche nel pieno rispetto delle licenze in altre giurisdizioni in cui ci sono regolate, tra cui Francia, Italia ed Estonia”.







Commenti recenti

Non creo proprio che a 01 July 2011 - 09:41 Commentato da 2 Di Picche

Non creo proprio che a PokerStars possa capitare una cosa simile a quella di Full Tilt Poker, c'è troppa differenza tra le 2 poker room, e si sa che Pokerstars è serie ed affidabile come poche. Forse anche per questo ha riscosso così tanto successo in Italia.