Dopo cash game via ai tornei live

Dopo il cash game arrivano i tornei live

A due anni e mezzo dalla chiusura dei circoli sportivi live, sembra che lo stato abbia trovato una regolamentazione adeguata. Il progetto di riapertura delle poker room rientra nella nuova manovra finanziaria e le prime concessioni dovrebbero essere attuate nel Novembre 2011.

Dopo il cash game la novità che dovrebbe concretizzarsi alla fine di questo hanno è legata al Poker live, ovvero i tornei non a distanza. Risale a due anni e mezzo fa la chiusura della maggior parte dei circoli sportivi di poker, ma oggi sembra che l cose stiano cambiando. A Novembre 2011, infatti, la riapertura dei circoli sportivi, seppur in numero limitato, dovrebbe essere approvata e il Poker Texas Hold’em, ormai protagonista nel mondo del web, dovrebbe ritornare sui tavoli da gioco non virtuali.

Il futuro del Poker Live

Poco tempo fa, infatti, avevamo assistito ad una crescita senza precedenti di poker room che poi sono state chiuse in attesa di trovare una regolamentazione vera e propria. Come del resto è avvenuto per il Poker Online lanciato pochi giorni fa. Dunque, uno scenario che in Italia sta cambiando e che sta portando lo stato a cercare una regolamentazione adeguata per un’attività redditizia in cui sicuramente potrà battere cassa. Ma se fino a due anni e mezzo fa era possibile giocare una partita in un qualsiasi circolo di Poker, spesso anche improvvisato, per il momento è ancora necessario recarsi in uno dei 4 casino al confine, dove però non è detto che ci siano tornei alla portata di tutti.

A novembre la prima regolamentazione

Il testo finale della manovra finanziaria 2011 è stato approvato il 5 luglio 2011 dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, contiene disposizioni per il gioco, è composto da 39 articoli, e disciplina all’art.24 (Norme in materia di gioco) comma 34, i tornei non a distanza di poker sportivo. E quindi in base a quanto stabilito in questo documento il bando per le concessioni novennali per esercitare il poker live dovrà essere predisposto entro il novembre 2011. Tali assegnazioni avranno una base d’asta di 100 mila euro e non potranno superare le mille unità. Dunque, forse è la volta buona in cui il poker live partirà davvero con una regolamentazione adeguata.