USA: l’FBI blocca le 3 maggiori poker room

Bloccate le 3 maggiori poker room americane dall FBI

L’FBI, con una mossa da film poliziesco, venerdì 15 aprile ha chiuso le tre maggiori poker room online che servono i giocatori americani, Pokerstars, Full Tilt Poker e Absolute Poker, arrestando 3 degli 11 dirigenti ricercati per accusa di frode e riciclaggio di denaro.

Le accuse sono gravi: frode, riciclaggio di denaro, trasferimenti bancari e gioco d’azzardo illegale. Le pene per tali reati possono variare da un minimo di 5 anni di reclusione e una multa di 250.000$ fino a un massimo di 30 anni di reclusione e 1.000.000$ di multa.

Le tre poker room bloccate

Pokerstars, Full Tilt e Absolute Poker sono accusati di aver violato la legge UIGEA in vigore dal 2006. Le poker room, infatti, per poter continuare ad operare nel mercato USA si erano trasferite all’estero continuando ad accettare pagamenti da parte di giocatori statunitensi e permettendo quindi transazioni di soldi da e verso i siti di poker online, esattamente quello che la legge vieta.

In tutto, per il momento, sono 11 le persone ricercate per questi reati. Si tratta di persone legate alle poker room e ad aziende che offrono servizi di pagamenti online. Di questi 11, 3 sono già stati arrestati. Le autorità legali statunitensi parlano di multe per tre miliardi di dollari che le poker room e le aziende di pagamento online dovrebbero pagare per i reati commessi.

Negli Stati Uniti il numero di giocatori di poker online è stimato a circa 16 milioni di persone che creano un giro d’affari di circa 6 miliardi di dollari all’anno.

L’influenza sul mondo del poker online

Le poker room hanno contattato i propri utenti annunciando che i loro conti non sono stati toccati. Nonostante questa notizia, non è chiaro se potranno ritirare i soldi che hanno sui loro account sui siti di gioco.

La comunità americana del poker è completamente sotto shock, e il Los Angeles Times ha addirittura dichiarato che questo potrebbe segnare la fine del gioco d’azzardo online. Va sottolineato che di queste tre poker room, quelle che hanno aperto dei siti legali come Pokerstars.it, continuano a servire i propri giocatori come al solito.