Assegnati gli European Poker Awards 2010

Ecco i vincitori degli European Poker Awards 2010

Si è tenuta da poco la premiazione degli “European Poker Awards 2010”, e sono stati assegnati i prestigiosi riconoscimenti destinati ai migliori giocatori di poker dell’anno, in una cerimonia ufficiale svoltasi a Parigi.

Filippo Candio: niente premio per lui

Tra i giocatori in corsa per ricevere uno degli European Poker Awards 2010 vi era anche un italiano, il giovane Filippo Candio, che tutti ricordiamo essersi distinto tra i 7.319 players del Main Event delle WSOP 2010, con uno spettacolare 4° posto conquistato al tavolo dei November Nine (il Final Table del Main Event WSOP appunto).

Filippo Candio era candidato a ricevere il premio degli European Poker Awards 2010 relativo alla miglior performance, ma è stato “superato” da un player inglese, ritenuto più idoneo di lui a ricevere il riconoscimento.

A James Bord il premio miglior performance

Nessun premio quindi per Filippo Candio, poiché è stato James Bord a ricevere la gratificazione assegnata dalla giuria degli European Poker Awards 2010.

Il giocatore di poker inglese Bord, ricordiamo che è il campione delle scorse WSOPE di Londra, e che superò un field di 346 players dove la maggior parte degli iscritti erano grandi nomi del Texas Hold’em, nonché grandi professionisti mondiali del settore. Proprio per questo motivo, Bord ha ricevuto il premio degli European Poker Awards 2010.

Gli altri European Poker Awards 2010

Oltre al premio sfuggito a Filippo Candio, vi sono stati altri riconoscimenti assegnati all'Aviation Club de France (Parigi), location della cerimonia: eccone alcuni tra i più significativi.

Ben due premi, quello di miglior giocatore dell'anno e quello di rivelazione del 2010, sono andati ad un altro inglese, Jake Cody, che ha trionfato sia all’EPT Deauville 2010 che al WPT Londra 2010.

Anche la bella e brava Liv Boeree ha ricevuto un premio agli European Poker Awards 2010 (quello riservato alle donne), mentre il simpatico Tony G è stato riconosciuto come la “personalità pokeristica dell'anno”.

Peccato però per il nostro Filippo Candio!