IPT Campione 2011: vince Eros Nastasi

Il PokerStars.it IPT Campione 2011 è di Eros Nastasi

L’ultimo giorno di gioco dell’IPT Campione 2011 di PokerStars.it, iniziava con Nastasi chip leader a quota 3.237.000 chips, e con Davide Cerrato, Gianni Bonetto, Marino Serenelli, Gianluca Betti, Kakol Bartlomiej, Vincenzo Scarpitti e Giuseppe Liotta, che occupavano gli altri 7 posti del tavolo di poker Texas Hold’em.

Il Final Table IPT iniziava così…

L’unico player straniero dell’IPT Campione 2011 di PokerStars.it, Kakol Bartolomiej, era anche il primo ad essere eliminato (proprio dal futuro campione Nastasi), lasciando così la scena ad un tavolo di 7 italiani.

Questa però era solo la prima eliminazione a d opera di Nastasi, che non si sarebbe più arrestato nella sua saluto verso il podio dell’IPT Campione 2011 di PokerStars.it.

Le eliminazioni dei finalisti IPT Campione 2011

Il secondo giocatore di poker a lasciare il tavolo televisivo e quindi a fermarsi al 7° posto dell’IPT Campione 2011 di PokerStars.it, è stato Gianluca Betti, nuovamente eliminato dalla mano di Nastasi, che continua una grande scalata verso la vittoria.

Escono poi Giuseppe Liotta (6° posto), Gianni Bonetto (5°) e Marino Serenelli (4°), mentre risale inaspettatamente la vetta il player Vincenzo Scarpitti, che partiva agli ultimi posti del Final Table IPT Campione 2011 di PokerStars.it, con poche chips rispetto agli altri.

La vittoria di Eros Nastasi all’IPT Campione 2011

Rimasti in tre (Nastasi, Scarpitti e Cerrato), ci vuole molto tempo prima che i giocatori di poker rimangano solo in due per l’Heads Up. Comunque, dopo una lunga attesa, è Davide Cerrato a doversi accontentare del 3° posto da 104.000 CHF.

Nastasi e Scarpitti si sono trovati così nel testa a testa finale dell’IPT Campione 2011 di PokerStars.it, uno scontro durato un’ora, e terminato con la vittoria del chipleader Nastasi che ha letteralmente trionfato in questa prima edizione dell’IPT Campione 2011 di PokerStars.it. Per Nastasi, giocatore campano di soli 20 anni, è arrivato così il 1° posto da274.000 CHF, mentre Scarpitti si è dovuto accontentare del 2° scalino, da 174.000 CHF.