L’ America e la legge sul poker online

Il poker online e l’ HR 2267, una questione tutta americana

Gli americani sono grandi giocatori di poker, e proprio negli Stati Uniti è situata la città che al mondo è la più rappresentativa per il gioco d’azzardo e di conseguenza anche del poker stesso, ovvero Las Vegas, in Nevada.

La tanto attesa legge “HR 2267”

Anche questo enorme paese, è sempre impegnato a trovare regolamentazioni sul poker (sia che si tratti di poker live che di poker online) idonee a tutelare i giocatori di poker stessi, ed anche a prevenire la dipendenza dal gioco cronico.

Proprio per questi fini, è stata creata l’ HR 2267, disegno di legge di Barney Frank, passato al vaglio dell'House Financial Services Committee con 41 voti a favore, 22 contrari ed 1 astenuto.

L’ HR 2267, detta anche “Regulation, Consumer Protection and Enforcement Act, regolamenta il gambling ed il poker online in America, puntando a tutelare i minorenni ed anche coloro che fanno un uso equo del gioco d’azzardo, e quindi tutti i giocatori di poker.

I giocatori di poker aspettano l’approvazione definitiva

La legalizzazione definitiva del poker online, è sempre più ambita dai tanti giocatori di poker che sperano nell’ HR 2267, come un passo avanti per questo obiettivo.

In realtà però, è ancora lungo il cammino per far diventare legge l’attuale disegno sul poker online, poiché adesso dovranno essere stabilite le procedure per le tasse sul gioco ed il poker online, che dovranno passare al vaglio di un’altra commissione.

Tirando le somme su tale legge americana relativa al poker online e quindi alle poker room, non è detto che sia possibile arrivare ad una conclusione durante il 2010, anche se tanti giocatori di poker vorrebbero che la legislazione sul gioco e sul poker online diventi definitiva proprio quest’anno.