L’Irish Poker Open 2010 e James Mitchell

Irish Poker Open 2010; al torneo di poker Texas Hold’em oltre 700 presenze

Insieme alla Pasqua, Aprile ha portato l’appuntamento con l’Irish Poker Open 2010, torneo che ormai fa parte dei più noti eventi di poker live. Si è appena conclusa infatti, la manifestazione svolta nel Burlington Hotel di Dublino, stupenda struttura alberghiera, attrezzata anche con grandi sale, per dare luogo a prestigiosi eventi come questo.

I grandi professionisti presenti

Come s’immaginava, sono arrivati tantissimi giocatori di poker da tutto il mondo, ed è stato superato, anche se di poco, il record di presenze relativo allo scorso anno. Un totale di 708 giocatori si sono presentati al torneo di poker Texas Hold’em irlandese, 8 in più rispetto al 2009, in cui vinse il professionista svedese Christer Johansson, che conquistò 600.000 €. Tra tutti i giocatori professionisti che si sono presentati ai tavoli verdi dell’Irish Poker Open 2010, nominiamo per primo il nostro Dario Minieri, a quanto pare un po’ sfortunato in questo periodo, poiché è uscito di scena il primo giorno del torneo, dopo solo due livelli di gioco. Oltra a lui, vi erano molte importanti presenze straniere, come Sorel Mizzi, Dan Harrington, Sandra Naujoks, Praz Bansi, Ramzi Jelassi, Ian Frazer, Tony Cascarino, Roberto Romanello, Ross Boatman, ed anche il campione uscente Christer Johansson, insieme alla seconda classificata, sempre nello scorso anno, Kara Scott. Neanche gli ex calciatori Teddy Sheringham e John O'Shea, hanno voluto perdersi quest’appuntamento col poker Texas Hold’em, e si sono presentati ai tavoli dell’Irish Poker Open 2010, da cui però sono usciti di scena il primo giorno di gioco.

Il Final Table

Alla fine del day 3, si è deciso il Final Table con otto giocatori ancora in gara, tutti consapevoli di aver vinto ormai una consistente cifra, dato che, l’ottavo premio, il più basso, arrivava comunque a 56.000 €. L’ultimo tavolo dell’Irish Poker Open 2010, era così composto: Santeri Valikoski, chipleader ed unico non britannico del tavolo finale, con 1.722.000 chips, Paul Carr con 1.596.000 chips, James Mitchell con 1.155.000 chips, Declan Connelly con 735.000 chips, Peter Murphy con 546.000 chips, Rob Sherwood con 497.000 chips, Ben Roberts con 419.000 chips, e per ultimo, Ed Sweeney con 407.000 chips. Sin dall’inizio della finale di questo torneo di poker Texas Hold’em, James Mitchell, che iniziava in terza posizione, ha cominciato a farsi strada eliminando Peter Murphy con un all in, che gli ha fatto raddoppiare il suo stak. Poi, esce di scena anche Declan Connolly (eliminato da Paul Carr in un coinflip), che si deve accontentare di una settima posizione e 75.000 €. Lo segue Edmund Sweeney in sesta posizione, con 100.800 € conquistati. Si arriva a questo punto, al venticinquesimo livello di gioco dell’Irish Poker Open 2010, con bui di 15.000-30.000, ed ante 3.000. I cinque giocatori ancora in gara per il titolo di campione, ed il primo premio da ben 600.00 €, sono tutti determinatissimi. Ben Roberts, rimasti short stak, cerca il raddoppio ma perde tutto, arrivando quinto per 130.600 € di premio. Quarto è invece Rob Sherwood, giocatore qualificatosi online sulla poker room organizzatrice dell'evento, per lui 163.300 €. Santeri Valikoski poi, il giovane di soli 24 anni, che era partito come cheapleader, rimasto short stak anch’egli, si scontra con James Mitchell, e si ferma così al terzo posto, con un premio da 205.200 €.

L’Heads Up ed il campione James Mitchell

Il testa a testa finale, si disputa quindi tra Paul Carr, avanti in chips, e James Mitchell. Quest’ultimo, con grande esperienza sui tornei di poker Texas Hold’em in modalità heads up, riesce a capovolgere la situazione ed a trionfare dopo una lunga battaglia. A Carr va il secondo posto e 312.600 €, mentre Mitchell, è il campione dell'importante evento Irish Poker Open 2010, con 600.00 € conquistati!