Cash game Italia e UIGEA USA: discussioni

Il gioco online: se ne parla sia in Italia che negli States.


Novità per il poker online legale e la difinitiva introduzione del cash game! Quella del 26 Novembre era la data limitie per la Comunità Europa per pronunciarsi in merito al gioco online (introduzione di Cash Game e casino online legali) in Italia.



La parola a Malta

La data è arrivata e ad un gioco dalla scadenza Malta si è pronunciata chiedendo chiarimenti in merito al decreto legge 28 aprile 2009, n 39 collegato al dramma dell’Abruzzo.

Per un momento tutti gli appassionati del gioco del poker online sono rimasti con il fiato sospeso, temendo l’infrangersi del sogno di giocare a poker online nella versione cash game.

L’UE non accetta la mozione Malta

Entro breve però il problema è stato risolto, infatto la Comunità Europea ha rispedito il decreto in Italia così come l’aveva ricevuto. Che cosa significa? Che il decreto è stato accettato nella forma in cui era, che la mozione di Malta non è stata accettata e che entro breve, gli esperti dicono febbraio 2010, sarà possibile giocare al poker online legale nella versione cash game.

Le stime per il 2010

Una notizia che non sbalordisce, dato che tale introduzione era stata data per certa durante le ultime settimane, a sbalordire sono le cifre previste per questa novità.

Se si pensa che il 2009 si chiuderà con introito per il gioco online legale pari ai 2 miliardi di euro, per il 2010 se ne prevedono 3!

Negli USA invece

Notizie diverse arrivano invece dagli Stati Uniti dove per il primo dicembre si aspettava la riconsiderazione dell’UIGEA soprattutto in merito ad una possibile introduzione del poker online. Non viene messa in discussione la riconsiderazione dell’UIGEA, ma slitta di 7 mesi, se ne riparlerà a giugno. Barney Franck, che aveva presentato gli emendamenti, non si perde d’animo e continua la sua battaglia volta a far approvare una normativa diversa in fatto di gioco online.