Addio a Bob Stupack

Bob Stupack

E’ Bob Stupak, nato nel 1942 e cresciuto fino all’età di 22 anni a Pittsburgh (città degli Stati Uniti d'America e capoluogo della contea di Allegheny nella Pennsylvania) da dove se ne andò per trasferirsi a Las Vegas.



Appena arrivato a Las Vegas però, Bob perse ben 12.000 $ giocando d’azzardo in un casinò, e decise di tornare a casa. Proprio nella sua città ebbe un gravissimo incidente in moto dal quale si salvò miracolosamente; gli stessi dottori dissero che non c’era più nulla da fare, ma non era così, e lui si riprese.

Tornò poi a Las Vegas, dove lasciò un segno indelebile: la Stratosphere Tower, una torre che grazie al suo progetto, e le sue abilità d’imprenditore, divenne un hotel e un casinò con ristorante, bar, cappella per matrimoni, montagne russe, e molto altro ancora. L’impresa, che gli costò 550 milioni di dollari, non dette subito i suoi buoni frutti, e Bob dovette vendere la Stratosphere Tower dopo poco per fallimento. Ad oggi, questa torre di 350 metri della cittadina del Nevada, è un lussuoso Resort & Casinò che offre tantissimi comfort, e ci si può quindi ancora soggiornare.

Ma oltre ad essere un imprenditore pieno di vicissitudini, quest’uomo era anche un abile giocatore di poker. La sua più importante vittoria è quella delle WSOP del 1989, dove vince un braccialetto giocando al torneo di “Deuce To Seven Lowball” una variante del Draw Poker. Ha partecipato alla prima edizione del WPT arrivando al tavolo finale, ed è stato presente ai tavoli verdi anche nella prima serie del programma “High Stakes Poker”.

Arrivato all’età di 67 anni, colpito dalla leucemia, Bob non ce l’ha fatta, e si è spento poco meno di una settimana fa. Non solo Las Vegas, ma tutto il mondo del poker, è unito nella consapevolezza di aver perduto un grande personaggio.