Nuove direttive per le sale da poker live



Dal giorno 27 novembre, ci sono nuove disposizioni per il Poker giocato dal vivo. Nonostante l’ottimismo nell’aria dovuto alla discreta normativa riguardante il poker online, per i gestori dei circoli di poker Texas Hold’em si annunciano periodi bui!



Lo stato italiano si è infatti espresso riguardo questo argomento, dando direttive che di certo non faranno piacere ai possessori di sale da poker, che ultimamente vengono sempre più frequentate grazie all’esplosione di questa passione per il gioco del poker Texas Hold’em. Si preannunciano periodi duri e speriamo proprio che non portino a chiusure di circoli, visto che le possibilità di guadagno per chi è nel settore saranno ridotte ai minimi termini.

Nuove direttive per le sale da poker

Per i tornei di poker non a carattere nazionale, il buy-in massimo non dovrà superare i 30 euro. Non è permessa nessuna possibilità di poter effettuare un rebuy, oltre al fatto che si potrà disputare solo ed unicamente un torneo a sera all’interno del circolo ! Il poker è considerato legale solo se praticato per gioco e non per lucro, ma come faranno i gestori dei circoli a rientrare di tutte le spese e ad avere un sufficiente incasso? Facendo rapidamente due conti, tra bollette di acqua luce e gas, c’è chi ha stimato addirittura un misero guadagno di soli 3 euro a giocatore. Sarà difficile sicuramente per i circoli con molti tavoli che rimarranno deserti, poiché non si prevedono possibilità di poter disputare tornei sit and go.

Chissà che nei prossimi giorni non si ritorni sull’argomento, magari lo stato tornerà sui suoi passi (sembra dura ma lo speriamo!) dato che i guadagni saranno davvero miseri anche per lo stato stesso. Per fortuna, tutt’altra storia questa, rispetto a quella del poker online che invece continua ad assistere ad un forte aumento del proprio successo!!!