Cash Game, intermedio: quando essere aggressivo

Poker Cash Game: quando giocare aggressivo nel Texas Hold’em, strategia e consigli

essere aggressivi al texas holdemIl poker Texas Hold’em cash game si differenzia dai Sit and Go (ed in parte anche dai tornei multitable), poiché le puntate di una mano si sviluppano non solo preflop o sul flop, ma anche al turn ed al river: anzi questi due ultimi round spesso rappresentano la chiave di svolta in una mano di gioco.

Molti giocatori di poker cash game inesperti, hanno la brutta tendenza (soprattutto per le loro tasche!), di chiamare le continuation bet degli avversari con in mano poco o niente, quindi senza un progetto di scala o colore e senza un piano prefissato. É evidente come questi tipi di call siano ad altissimo valore atteso negativo, e bensì positivo per il loro giocatore di poker avversario, che li potrebbe sfruttare a dovere.

É importante dunque, saper capire il tipo di giocatore di poker che ci si trova davanti, il board ed anche lo svolgimento della mano, al fine di prendere la miglior decisione. Molti giocatori di poker infatti, quando vedono chiamata la propria continuation bet, abbandonano la mano di gioco non trovando sul tavolo aiuto dalle carte, e cercando così di limitare le perdite contro un tipo di giocatore di poker che definiscono simile ad una “calling station”.

Essere aggressivi

Il poker Texas Hold’em cash game è fatto di queste situazioni, in cui bisogna analizzare tante variabili al fine di capire cosa ha in mano il giocatore di poker a noi avversario. Vi meraviglierete di quante volte, dopo aver sparato un secondo e forte proiettile al turn, vedrete l’avversario al turn, foldare la propria mano. Costringere floaters a foldare al turn, è infatti molto redditizio per via del piatto che si crea dalle due puntate fino ad allora effettuate. Chiaramente nel caso in cui riceverete azione anche al turn, è seriamente il caso di rivalutare la vostra mano e magari questa volta mollare la presa.

Quando si e quando no

Situazioni favorevoli a sparare un secondo proiettile al turn sono tipicamente le scaring cards, come ad esempio un asso o un Kappa, le carte a colore, o anche quando il board si accoppia: non commette l’errore di pensare che una terza carta a colore faccia il gioco del vostro giocatore di poker avversario: l’unica maniera per scoprirlo è quella di puntare.

Al contrario, un board draw heavy è di sicuro meno indicato per effettuate una puntata al turn: se il nostro avversario ha chiamato la continuation bet su un flop con 9 T J, con due carte a picche probabilmente farà call anche al turn. É inoltre opportuno rendersi conto di che tipo di giocatore di poker Texas Hold’em si ha di fronte: tanto più la tendenza di questi ultimi a flottare è marcata e tanto più profittevole sarà la nostra turn continuation bet.

Sparare un secondo proiettile al turn: una strategia del poker Texas Hold’em cash game, che se ben applicata è in grado di portare ottimi risultati e di aumentare le armi a nostra disposizione.