Cash game intermedio: l’importanza della posizione

Come la posizione al tavolo influisce quando si gioca al poker cash game

cash game la posizione al tavoloIl Texas Hold’em è un gioco di posizione. Sia che si parli di cash game che di Sit and Go la posizione è uno dei fattori determinanti per il buon esito della mano. Molto spesso ancor più delle carte stesse. Se date un occhiata ai vostri risultati di medio e lungo termine facilmente vi accorgerete come la maggior parte dei vostri profitti sia generata dal bottone e dalle posizione limitrofe, ovvero quando avete vantaggio di posizione sul vostro avversario. Non a caso la posizione di un giocatore non è fissa ma bensì in rotazione cosicchè ogni giocatore si trova ad essere in ogni posizione possibile al tavolo.

Al contrario i risultati dai blinds saranno sempre e comunque negativi vuoi perchè spesso “costretti” a dover postare i bui vuoi perchè da queste posizione è impossibile estrarre valore dalle nostre mani migliori. Chiunque intenda fare sul serio con il Texas Hold’em deve essere consapevole di quanto appena descritto.

Non solo le carte che abbiamo in mano

Ogni decisione presa al tavolo di Texas Hold’em deve essere frutto di diversi fattori, tra i quali appunto la nostra posizione. Prendiamo per esempio una mano come AJ off in un tavolo FR cash game – Full Ring cash game: di sicuro mano da foldare nelle prime 2-3 posizioni, in quanto non abbastanza forte per aprire con un rilancio. Ma se l’azione viene passata a noi in Cutoff o in Bottone la mano è sicuramente molto forte e vale la pena rilanciare per attaccare i bui.

La stessa mano dunque è da foldare in early position, da rilanciare a volte in middle position in funzione del tavolo, da attaccare i bui in late position e da difendersi da uno steal quando ci troviamo sui blinds. Stiamo parlando della stessa mano di Texas Hold’em, da giocare in quattro maniere differente a seconda solamente della posizione.

Perchè la posizione al tavolo è fondamentale

Come spesso amo ripetere, il Texas Hold’em è un gioco di informazione incompleta, come tutte le varianti del poker. Questo significa che ogni decisione deve essere presa basandosi sulle variabili conosciute in nostro possesso e ipotizzare le altre. Trovandosi UTG le ipotesi da fare sono maggiori, dal momento che nessun giocatore ha parlato.

Al contrario, quando ci troviamo dal bottone siamo gli ultimi a parlare e quindi possiamo prendere la nostra decisione con il set di informazioni massimo a disposizione, dal momento che tutti gli altri giocatori hanno già parlato. Questo significa poter massimizzare la nostra decisione a quella ideal, ovvero quella che prenderemmo se potessimo vedere le carte del nostro avversario. Questo è il teorema fondamentale del Texas Hold’em secondo Sklansky.