Cash game, avanzato: level thinking

Level thinking, mettersi nella mente dell’avversario, è fondamentale nel cash game

cash game essere nella mente del avversarioNel Texas Hold’em cash game è molto importante utilizzare il level thinking, ovvero cercare di entrare nella mente del nostro avversario per capire quali sono i suoi processi mentali. Mentre quando si tratta di Sit and Go questo discorso passa in secondo piano, vista la maggiore improtanza di stack e blinds, nel cash game il discorso cambia radicalmente.

Il giocatore vincente di Texas Hold’em cash è infatti quello che continuamente analizza la situazione e immagina quello che il proprio avversario sta pensando. Così facendo, decisioni che possono apparire difficili a prima vista in realtà non lo sono se guardiamo la mano da una prospettiva differente.

Un chiaro esempio di level thinking

Supponete infatti che state giocando una mano di poker cash game contro un avversario molto tight, diciamo un VPIP 13 e PFR 11, e di fronteggiare un raise UTG da parte di questo giocatore. Abbiamo in mano AJ dal bottone e decidiamo per una call. Flop J23 e continuation bet dell’avversario: call. Turn 8 e altra puntata: call. River 8, check nostro, e terza puntata.

In questo frangente dovreste fortemente considerare la possibilità di foldare la vostra mano. Se il fold non vi è tanto chiaro dalla vostra prospettiva, dopotutto abbiamo in mano TPTK (Top Pair Top Kickers) provate a guardare la mano dal punto di vista dell’avversario. Il giocatore tight aggressive si trova infatti di fronte ad un avversario (voi) che ha chiamato due puntate su un board J high e ha checkato ancora al river. L’avversario può escludere, in linea generale, la possibilità di una monster hand in mano all’opponente.

Una mano telegrafata

Il nostro comportamento, agli occhi dell’avversario, è un chiaro segnale di TPTK: stiamo telegrafando il J in mano. Il fatto che, pur sapendo di avere di fronte un avversario con in mano un J, continui a puntare, è un chiaro segnale da parte sua che ha in mano carte in grado di battere TPTK. Vedrete che nella stragrande maggioranza dei casi l’avversario avrà in mano QQ+.

L’ipotesi è poi avvalorata dal fatto che giocatori tight aggressive di quel tipo aprono UTG con un range di mani molto ristretto. Questo tipo di approccio è molto importante nel Texas Hold’em cash game perchè spesso può aiutarvi a risolvere situazioni che a prima vista possono sembrare complicate, come l’esempio appena vista. Chiedetevi sempre come la maniera in cui avete giocato una mano, o stiate giocando la mano in questione sia vista dal vostro avversario. Una strategia da seguire per evitare di giocare mani che hanno molte possibilità di essere perdenti.