Casinò di Las Vegas: The Luxor

08/03/11
Scritto da lorenzo6tr il 08 Marzo 2011 - 09:54

Per anni il Luxor è stato il simbolo di Las Vegas. O meglio la piramide del Luxor. O meglio è stato il simbolo dell’esagerazione e della pazzia di questa fantastica città: ricostruire nel deserto del Nevada una piramide di cristallo, per nulla inferiore a quelle dell’antico Egitto, è qualcosa che solo in questa meravigliosa città può accadere.

Pensate che quando il resort venne aperto, nel lontano 1993, la piramide era il più alto edificio della città. Una curiosità che non tutti sanno è che per i primi anni il Luxor era circondato da una piccola riproduzione del fiume Nilo, con tanto di barche che portavano i clienti del casinò da una location all’altra: dopo continue lamentele da parte dei clienti in merito all’eccessiva durata della corsa il servizio “traghetto” venne abolito e di lì a poco la stesso Nilo in miniatura venne prosciugato.

Una piramide in pieno deserto

Recentemente il Luxor è salito alla ribalta come il casinò che ha visto nascere il gruppo dei Blue Man Group: una banda di percussionisti fantastici che io stesso ho avuto occasione di vedere a Buenos Aires e il cui spettacolo vale di certo il prezzo del biglietto.

Purtroppo recentemente il Luxor è stato vittima di un incidente che ha visto coinvolto un impiegato del resort: una macchina è esplosa nel parcheggio del casinò, causando la morte dell’impiegato stesso. Gli inquirenti hanno immediatamente escluso la matrice terroristica dell’attentando, individuando come l’impiegato stesso fosse la vittima designata dell’ordigno, una bomba rudimentale. Purtroppo sono cose che a Las Vegas ancora accadono e che sono spesso collegate a droga e prostituzione.

La poker room

Per quanto riguarda noi giocatori di Texas Hold’em, il Luxor rappresenta senza dubbio un’ottima soluzione per chi è in cerca di una camera di alta qualità a prezzi contenuti: il resort non ha nulla da invidiare ai più blasonati e il fatto di essere di qualche annetto più vecchio rispetto ai maggiori competitors fa sì che il prezzo delle camere sia sensibilmente inferiore rispetto a questi ultimi. Se poi aggiungiamo una Poker Room con giocatori di Texas Hold’em alle prime armi, grazie anche alla posizione di quest’ultima che trovandosi in un passaggio attira players casuali, dealers amichevoli e con esperienza da vendere, cocktail ladies efficienti e rapide, anche se non bellissime, possiamo additare il Luxor come meta ideale per una vacanza di Texas Hold’em in quel di Las Vegas, Nevada.

Commenta la notizia

Effettua la registrazione per poter commentare le nostre news ed i nostri articoli