Sebastian Langrock vince il quiz grazie a un tell

15/03/13
Scritto da Carlo Cammarella il 15 Marzo 2013 - 17:16

Essere dei bravi giocatori di poker live non significa soltanto calcolare al meglio le percentuali migliori o le pot odds; significa anche saper leggere l’avversario e riuscire a decifrare tutti quei segnali diretti o indiretti, chiamati come sapete tells, che il giocatore da battere potrebbe mandarci. Una capacità che ha aiutato sicuramente il pro tedesco Sebastian Langrock che grazie a queste conoscenze è riuscito a trionfare al celebre quiz: “Chi vuol esser milionario”.

L’importanza di un tell

Dunque, secondo quanto affermato in una recente intervista, il giocatore teutonico sarebbe riuscito ad indovinare una domanda cruciale grazie ad un tells che il conduttore televisivo Jauch Guenther avrebbe lasciato mentre leggeva il testo di quest’ultima. Detto in altri termini la capacità di leggere i segnali del viso avrebbe aiutato il buon Sebastian Langrock che così è riuscito ad andare avanti fino a conquistare il premio tanto ambito da un milione di euro.

Pochi successi per Langrock in carriera

Certo, tralasciamo il fatto che il giocatore tedesco ha vinto in carriera poco più di 2000 euro nei tornei di poker live e concentriamoci, invece, sulle abilità che questo gioco conferisce a chi lo pratica in maniera assidua. Secondo molti professionisti, infatti, la bravura nel giocare a poker aiuta a mantenere i nervi saldi e a prendere la decisione giusta nei momenti di grande stress. Cosa che secondo Sebastian Langrock è successa nel momento del quiz.

Una vincita utile per le WSOP

La cifra, inoltre, verrà utilizzata dal giocatore per andare a giocarsi le World Series of Poker (WSOP) del 2013. E proprio lì vedremo se il nostro Sebastian Langrock sarà in grado di ottenere dei buoni risultati riuscendo a tenere il sangue freddo proprio come ha fatto nel corso del quiz Chi vuol esser milionario. Al di là di questo, però, sottolineiamo ancora una volta quanto nel poker live saper leggere i tells sia davvero importante.

Tells: arriva il botulino

E non è casuale che poco tempo fa un illustre medico statunitense abbia parlato di botulino per modificare quei movimenti inconsulti del viso che possono lasciare delle preziose informazioni agli avversari che ci troviamo davanti. Certo, bisognerà vedere ancora quanti saranno i giocatori disposti a farsi una plastica facciale per essere più vincenti, ma visto che se ne parla già da un po’ e che questo mondo pullula di personaggi strani ci aspettiamo davvero di tutto.

Commenta la notizia

Effettua la registrazione per poter commentare le nostre news ed i nostri articoli