Poker Night in America: un nuovo show tv

17/08/13
Scritto da Carlo Cammarella il 17 Agosto 2013 - 11:44

Non è certamente uno dei periodi più floridi quello che sta vivendo per il poker a stelle e strisce. E anche se il mondo del live, apparentemente non ha subito dei grossi cambiamenti, a parte una leggera flessione dovuta dalla crisi economica, è fuori discussione il fatto che gli effetti del Black Friday non sono ancora passati del tutto. Una percezione che si può comprendere anche dando un’occhiata palinsesti televisivi dove il poker, un tempo seguito da moltissimi appassionati, non è più di casa.

Poker Night in America: riprese cominciate

Qualcosa, però, sembra bollire in pentola e visto che secondo alcuni la ruota dovrebbe girare a breve, qualcuno sta pensando bene di proporre qualcosa di innovativo. A proposito, infatti, possiamo felicemente annunciarvi che le riprese del nuovo show televisivo Poker Night in America sono cominciate pochi giorni fa durante l’Empire State Championships, competizione molto apprezzata dai grinder della West Coast a cui hanno preso parte ben 426 player.

Il poker torna ad essere show

Oltre al tavolo finale, però, che ha visto il trionfo di Adam Foster (per una prima moneta che ha superato i 150.000 dollari) le telecamere di Poker Night in America hanno tenuto sott’occhio anche Shaun Deeb e Greg Mueller che si sono prodigati in un tavolo di cash game. Motivo di questa scelta? Diciamo che i giocatori di cui abbiamo appena parlato sono noti oltre che per la loro innata skill al tavolo verde, anche per le doti di show man che hanno nel sangue.

Nolan Dalla: l’idea di uno show divertente

L’idea della produzione, di cui fa parte anche Nolan Dalla, Media Director delle WSOP, è molto semplice ma anche molto interessante. Secondo lui, infatti, è necessario che un programma televisivo come Poker Night in America riesca anche a far divertire ed affezionare il pubblico. Per questo motivo, infatti, la scelta durante le prime riprese è andata proprio su Shaun Deeb e Greg Mueller. Non che il final table sia stato privo di interesse, ma sul piccolo schermo alcune qualità possono risultare vincenti.

Rilanciare il poker con un programma leggero?

Che sia una via proficua per rilanciare il poker in America che dopo il Black Friday stenta a ridecollare? Staremo a vedere, anche se l’idea di uno show divertente e dal sapore decisamente diverso rispetto a quelli che consociamo bene, potrebbe riuscire a far affezionare il pubblico. Del resto anche in Italia è successa una cosa molto simile con un grande boom iniziale (grazie a trasmissioni come Poker Mania) e successivamente un periodo di recessione. Morale della favola: ci vuole sempre qualcosa di nuovo… Poker compreso!

Commenta la notizia

Effettua la registrazione per poter commentare le nostre news ed i nostri articoli