Giuliano Bendinelli: a Londra per vincere

29/11/13
Scritto da Carlo Cammarella il 29 Novembre 2013 - 20:22

Che il poker in Italia non stia vivendo uno dei suoi periodi migliori è un dato che abbiamo ormai assodato da tempo. Molti giocatori lo sanno bene e per cercare di sbarcare il lunario hanno preferito fare le valige e andarsene da un’altra parte, dove con tutta probabilità le cose stanno andando decisamente meglio. E’ la strada che hanno percorso Walter Treccarichi, Marco Bognanni e Mustapha Kanit prendendo la via di Malta. E’ la strada che ha intrapreso anche il talentuoso Giuliano Bendinelli che si è trasferito a Londra da non molto tempo.

Sesto posto all’High Roller UKIPT di Nottingham

E a quanto ne sappiamo il giovane pro, che da qualche mese ormai porta indosso la patch di Lottomatica, è riuscito a farsi valere sia nei tornei di poker live sia sulle punto com dove ha già collezionato qualche buon risultato. Ultimo successo, però, degno di nota, che sicuramente tiene alta la bandiera dell’Italia all’estero, il final table centrato all’High Roller UKIPT di Nottingham con un ottimo sesto posto, ottenuto su 44 player iscritti, che gli ha fruttato ben 6.250 sterline.

Giuliano Bendinelli e le vittorie nell’online

Ma come dicevamo i buoni risultati non sono arrivati soltanto nel live, ma anche nell’online dove Giugliano Bendinelli è riuscito a portarsi a casa qualche ottima prima moneta sempre nei tornei High Roller. Insomma, il concetto è molto semplice. Una fuga di cervelli dall’Italia che colpisce anche il mondo del poker. Del resto i confini troppo stretti del punto it cominciano a farsi sentire e ci sono dei giocatori che per andare avanti hanno sempre bisogno di nuovi stimoli.

La vittoria nella Monaco Cup 2013

Proprio come Giuliano Bendinelli che nonostante la giovane età porta già addosso una patch importante e già ha messo a segno dei piazzamenti degni di nota. Su tutti la Monaco Cup, , duante la Monaco Cup durante l’EPT Grand Final Montecarlo del 2013 che gli ha fruttato una prima moneta di 121.000 euro. Del resto sembra proprio che l’Italia in questo periodo debba perdere i suoi cervelli più promettenti, ma con dei confini così serrati e soprattutto con un andamento come quello di questo periodo per i più talentuosi è diventata essenziale la fuga!

Commenta la notizia

Effettua la registrazione per poter commentare le nostre news ed i nostri articoli