WSOP November Nine: questo è un torneo di poker

Analisi del Final Table dei November Nine vinto da Joe Cada

Il recentissimo epilogo delle World Series (WSOP) di Texas Hold’em ha visto portare a casa il titolo di campione del mondo, e il “modico” assegno di 8.5 biglietti verdi, al giovane on line poker pro Joe Cada, laureando lo statunitense come il più giovane campione del mondo di sempre.

Quello che però mi preme di sottolineare è come nel Texas Hold’em in specialità torneo sia necessario avere una buona dose di sorte, chiaramente unita alla capacità di leggere le situazioni, per potere portare a casa ottimi risultati. Almeno sul singolo evento.

WSOP November Nine

Come sapete da due anni il Main Event delle World Series of Poker (WSOP) vede il tavolo finale spostato nel tempo, ovvero a Novembre. Tra i “Novembre Nines” di quest’anno cera anche il favorito Phil Ivey, che però si è dovuto accontentare di un misero settimo posto.

Ma veniamo ai fatti, in particolare quando il vincitore Joe Cada si ritrova con uno stack di soltanto due big blinds e cinque giocatori rimasti tra i 9 partecipanti al WSOP November Nine. Da qui in poi si assisterà ad un rush di fortuna incredibile, in grado di portare il giovane fino al trionfo.

Per prima cosa la sua coppia di tre “scoppia” la coppia di Jacks dell’avversario, poi effettua un ulteriore double up quando il suo futuro avversario di Heads Up, Darvin Moon, decide di bluffare con K9 contro la sua coppia di assi.

Ma non è di certo finita qui, Joe Cada infatti concede il bis scoppiando una coppia di donne con i suoi due e poi andando a centrare un fortunoso K al river per eliminare il terzo arrivato e giocarsi l’Heads Up finale dei November Nine contro in già citato Moon.

Joe Cada nell’Heads Up

Qui Joe Cada mostra tutta la sua abilità nel gioco HU, andando a vincere diversi piatti contro l’aggressivissimo e degno di nota giocatore del Maryland, in particolare riuscendo in un ulteriore double up dopo aver pizzicato Moon in semi-bluff. Il Main Event dei November Nine ha poi il suo epilogo quando Joe vince il coinflip decisivo, riuscendo a resistere con coppia di nove contro JQ di Moon.

Il Texas Hold’em in modalità di torneo

Tutto questo per sottolineare quella che è l’essenza del Texas Hold’em in modalità torneo: fortuna e bravura. Tanto più il numero di tornei giocati è alto e tanto più la componente fortuna tenderà a 0, ma nel singolo evento il peso dei fattori si equivale. Joe nei November Nine ha certamente condotto il torneo come meglio non poteva fare, facendosi trovare pronto ogniqualvolta ci fosse stato il bisogno di una decisione cruciale, ma senza quella buona dosi di fattore c non sarebbe di certo riuscito nell’impresa. Questo è un torneo di poker, che vi piaccia oppure no.