WSOP 2013: aggiornamenti, classifiche, vincitori

WSOP 2013 aggiornamenti classifiche vincitori

Sono terminate le WSOP 2013 e visto che le classifiche cambieranno difficilmente è tempo di bilanci. Per il Canada uno stato di grazia ed un record assoluto con 10 braccialetti vinti. Per l’Italia, invece, brilla ancora la stella di Sergio Castelluccio 14esimo al Main Event.

Sono terminate le WSOP 2013 con una grande gioia per i nostri colori visto la grande prestazione di Sergio Castelluccio che è arrivato 14esimo al Main Event WSOP 2013. E visto che ormai i November Nine si sono formati è anche giunto il momento di fare un primo bilancio in queste World Series of Poker che proprio all’ultimo ci hanno regalato il meglio che potevano.

Canada in grande spolvero

Prima di parlare dell’Italia, allora, cerchiamo di dare uno sguardo un po’ più ampio a questa splendida kermesse di poker. E infatti, la prima cosa che possiamo dire guardando proprio il numero di braccialetti è la superlativa prestazione dei canadesi che hanno macinato risultati su risultati vincendo ben 10 volte un braccialetto. Intendiamoci, se guardiamo le prime monete, l’ago della bilancia è tutto dalla parte degli Stati uniti d’America che di vittorie ne hanno messe a segno ben 40 con 6165 ITM.

Benny Chen migliore del suo paese

Con questo, però, non possiamo nascondere il record che ha ottenuto il Canada alle WSOP 2013, anche se non è andato a segno il player più rappresentativo di questa scuderia. Parliamo per l’appunto di Daniel Negreanu, vincitore del Main Event APAC 2013, le cui World Series of Poker sono state a dir poco fallimentari. Scherzi a parte il vero protagonista di questa nazione è stato senza dubbio Benny Chen, vincitore dell’Event #6 $1,500 Millionaire Maker NL Hold'em che in un colpo solo è addirittura diventato milionario.

Italia settima nel Rankings finale

Tutto ciò che riguarda la classifica ve lo abbiamo già raccontato nel precedente articolo, anche se l’Italia è riuscita a salire di posizione arrivando settima nello speciale World Rankings WSOP 2013. Del resto non vedevamo una prestazione del genere da un bel po’ di tempo, con un italiano arrivare così lontano ad un soffio dal traguardo dei November Nine. Inoltre è la prima volta che si vedono tre italiani al Day 6 del Main Event.

Phil Ivey e Phil Hellmuth: grandi assenti

Tuttavia, mentre hanno brillato le stelle dei giocatori più inaspettati quelli che molto spesso sono stati i veri protagonisti di Las Vegas non hanno lasciato il segno. Phil Ivey, infatti, se ne tornerà dalla WSOP 2013 con una bandierina da 15.000 dollari, una vera e propria nullità per un giocatore come lui, mentre al buon Phil Hellmuth, unico player ad aver vinto due Main Event World Series of Poker, è andata un po’ meglio con tre bandierine ed un ottavo posto da 50.000 dollari al 10,000 No Limit Hold'em - Heads-Up.

L’exploit azzurro sul finale

Per l’Italia, dunque, delle WSOP 2013 un po’ in sordina fino al Main Event con un grandissimo exploit finale certamente inaspettato. Anche se rimane quel po' di rammarico per un'occasione che difficilmente si ripeterà per il nostro Sergio Castelluccio e per tutti quelli che sono riusciti a raggiungere il Day 6 del Main Event delle World Series of Poker.

Aspettando i November Nine

L’appuntamento, allora, è con l’ultimo capitolo del torneo più atteso dell’anno che si terrà a Novembre del 2013. E poi quando si parla di Las Vegas, delle World Series of Poker e soprattutto dei November Nine questa disciplina acquista un fascino del tutto particolare: sarà la Strip, sarà il casino del Rio, saranno tutte quelle serate folli passate fino a tarda notte aspettando di legare il punto vincente…