WSOP 2010: The tournament of Champions

WSOP 2010

Prendi I migliori giocatori di Texas Hold’em in circolazione e crea un apposito torneo di Texas Hold’em nel quale vederli scontrare uno contro l’altro e di sicuro avrai creato un veneto mediatico di sicuro impatto.

Vi sono infatti alcuni giocatori, i cosidetti pro di Las Vegas, conosciutissimi al grande pubblico, in grado di muovere vere e proprie masse, proprio come se fossero dei divi di hollywood. E vi posso assicurare che in taluni casi l’abilità di questi giocatori non è per nulla superiore, se non spesso inferiore, a quella di molti pro di Texas Hold’me che ogni giorno battono le casse dei siti di poker on line, ma del cui nome nessuno si ricorda nemmeno una vocale.

Ma questo è lo showbusiness, questi sono gli Stati Uniti e questo è il pokerTexas Hold’em: tutto deve fare spettacolo.

Mike “The Mouth” Matusow

Sono 17 i players sopravvissuti a questo Tournament of Champions ed a guidarli vi è probabilmente il più pazzo di tutti: Mike “The Mouth” Matusow che con le sue 85000 chips è seguito a ruota da Huck Seed (73000) e Johnny Chan (68600). Chissà se il buon Johnny riuscirà a risalire nuovamente alla ribalta, dopo che per il decennio a cavallo degli anni 80-90 il Texas Hold’hem aveva un solo nome, il suo per l’appunto.

Di certo non ci sarà il campione uscente, Mike Sexton, il cui AK ha trovato un ostacolo troppo grande da superare costituito dalla coppia di K di Scotty Nguyen’n, il quale sembra avver destato l’attenzione di tutti quando si è presentato ai tavoli incredibilmente sobrio. Cose da pazzi!

Eliminati per conto dei Jesus...

Di certo il giovane qualificato on line Andrew Barton deve aver pensato che uno che tutti a Las Vegas chiamano Jesus deve avere un valido motivo per avere tale soprannome. E di certo il povero Andrew ne ha avuto la prova quando i 77 di Chris “Jesus” Ferguson sono miracolosamente diventati 3, cracckando la coppia di AA del player britannico. Cose che capitano nel Texas Hold’em. L’ultima eliminazione della giornata è stata quella di Dan “Action” Harrington, il quale ha pescato il nostro caro Daniel Negreanu con una coppia di Assi che hanno spedito a casa il campione e autore di famosissimi libri sul Texas Hold’em. Non resta dunque che attendere la giornata di Sabato durante la quale verrà incoronato il migliore tra i migliori giocatori di Texas Hold’em.