Questione di range

Il range

Ogni Sit and Go che si rispetti vede il suo momento culmine con una lunga e concitata fase di bolla, in cui i quattro giocatori rimasti si danno battaglia a suon di bui rubati, uno dopo l’altro.

E’ durante questi momenti che emerge il miglior giocatore, capace di prendere le migliori decisioni, sia in termini di push, ovvero di all in per rubare i bui, sia in termini di call degli all in altrui.

Come decidere

Ma in base a cosa dobbiamo prendere queste decisioni in questi Sit and Go? Solo in base alle carte in nostro possesso? Certamente no! E’ necessario, anche ed alle volte ancora più importante, prendere la nostra decisione in base al cosiddetto range del nostro avversario, ovvero l’insieme delle mani con cui ipotizziamo l’avversario farà la giocata.

Un esempio

Come al solito sarà un esempio a rendervi le idee più chiare: supponiamo di stare giocando un Sit and Go Turbo, con bui 200/400 e di essere rimasti quattro giocatori. Siamo di BB e i primi due giocatori, i chip leaders non intendo farsi del male a vicenda, foldano, lasciandoci soli contro lo SB, un regular dei tornei turbo, che non ci pensa un attimo per fare all in per i suoi 1200. Il nostro stack è di 1400, dopo aver postato il big blind, e quindi fare call comporta doverci giocare il torneo.

Ora, prima di dirvi la nostra mano, vorrei che insieme andassimo ad individuare il possibile pushing range del nostro avversario, ovvero con che mani dovrebbe secondo noi effettuare questa giocata. Ricordiamoci come il giocatore in questione sia un regular dei tavoli, quindi un giocatore che si suppone molto aggressivo e in grado di effettuare molti steal; il suo range quindi è molto ampio, qualsiasi coppia, qualsiasi asso o kappa.

All in

Se poi consideriamo che i nostri stack sono pari giungiamo alla conclusione che in questo caso sia lecito per il nostro avversario, credetemi, fare all in con qualsiasi due carte in mano. Andiamo a vedere le nostre carte e scopriamo A2off, di sicuro una mano di molto superiore a 2 carte casuali nel mazzo, ovvero le due carte con cui il nostro avversario ha spinto sul nostro BB.

Considerate invece lo stesso Sit and Go ma questa volta mettetevi nei panni del co-chip leader, con 5000 chips, e vi trovate di fronte al push all in dell’altro giocatore, il quale ha la vostra stessa quantità di chips. Voi avete JJ, cosa fare?

Analisi del range

Proviamo ad analizzare il suo possibile range, anticipando che questa volta si tratta di un giocatore tight e passive. Cosa fare? Molto semplice: fold! Infatti un giocatore di questo tipo, con una giocata del genere, non metterebbe mai in pericolo il proprio Sit and Go, dal momento che l’arrivo a premio è quasi assicurato. Quindi il suo range deve essere dalle QQ in su, ovvero QQ, AK, AA o KK, possiamo al massimo aggiungere AQ, ma con minore probabilità.

Risulta dunque evidente come in questo caso la giocata sia un semplice fold. Ricordatevi sempre che nei Sit and Go di texas hold’em è tutta una questione di range…..