Quello di cui il Texas Hold'em non ha bisogno

Phil Hellmuth

Phil Hellmuth. Quante volte vi siete guardati un riassunto della ESPN di questo o quel torneo di poker, in particolare dei diversi eventi che si susseguono in maniera frenetica durante le World Series og Poker (WSOP).

E quante volte avete assistito alla classica sceneggiata di Phil Ivey, impegnato ad apostrofare in malo modo e senza il minimo rispetto il malcapitato di turno. Fino a poco tempo fa la situazione era rimasta ad un livello accettabile, facendo di Phil un fenomeno da baraccone ricercato da tutti i media presenti durante i tornei e spingendo l’ESPN a rendere il tavolo di Phil quello televisivo per non perdersi un eventuale “litigata” di Phil. E non dimentichiamoci che da sempre Phil Hellmuth ama autodefinirsi il miglior giocatore di Texas Hold’em del mondo.

Gli ingressi di Phil Hellmuth

Oltre alle sue sfuriate sono altrettanto famosi gli ingressi in scena di Phil Hellmuth durante le World Series di Poker (WSOP), come quando si presentò in scena con un bolide NASCAR fiammante, vestito di tutto punto da pilota e circondate da 10 bellissime fanciulle in tutina di lattice aderente. O ancora quando si presentò vestito da imperatore romano, con tanto di toga e pelliccia, con schiavi e damigelle al seguito.

C’è un limite a tutto

E Phil Hellmuth ha da qualche tempo superato questo limite, venendo pubblicamente rimproverato, davanti alle telecamere, da Doyle Brunson. Nell’ultimo periodo le uscite di poco gusto di Phil sono state numerose.

Per esempio in occasione della morte di Amir Vahedi non ha esitato a raccontare di come spesso egli passato si sia offerto di pagare il buy in per questo o quel torneo ad Amir, senza pretendere nulla in cambio. Quale peggior occasione se non la morte dello stesso Amir per ricordare a tutti la propria bontà d’animo?

Ancora durante lo spaventoso sisma di Haiti, nel quale hanno perso la vita centinaia di migliaia di persone, Phil si è reso protagonista dell’ennesimo episodio di cattivo gusto.

Mentre tutti i giocatori di Texas Hold’em più famosi si prodigavano, tramite il proprio twitter, per raccogliere fondi da destinare alla popolazione di Haiti, Phil Hellmuth non ha trovato di meglio da fare che raccontare al mondo intero di come stesse sperperando denaro, aprendo bottiglie di champagne da migliaia di dollari mentre si trovava in viaggio su di un Jet privato. Qui non stiamo di certo discutendo il giocatore di Texas Hold’em, in quanto obbiettivamente uno dei migliori sulla piazza, ma la persona, sicuramente la peggiore in circolazione.