Poker online: la scelta del nickname conta?

Come scegliere il nickname nel poker online

Un nickname utilizzato per il proprio account di poker online, non sempre è una scelta tanto casuale. C’è chi sceglie i nomi dei suoi idoli, chi si nasconde dietro una parola che non ha nulla a che vedere con il giocatore, e chi punta ad una scelta che “spiazzi” l’avversario. In che modo? Eccovelo svelato..

Il nickname è l’unico elemento che ci identifica

Ad un tavolo di poker online, a differenza di quanto accade in quelli live, non abbiamo una percezione completa degli altri giocatori presenti come loro non la hanno di noi, e l’unica cosa che ci identifica è il nickname che è stato scelto. Ora molti di voi potrebbero pensare che, magari proprio come nel vostro caso, il “nomignolo” è stato scelto senza troppi pensieri ed in modo abbastanza casuale: attenzione però, per alcuni giocatori non è così. Escludendo i tanti che hanno scelto di mettere il proprio nome, quello dei loro animali, o (in molti) quello di un personaggio noto (in primis ci sono i calciatori!), esiste poi una categoria di giocatori che “studia” bene il nickname che si porterà poi sempre dietro sulla poker room in cui decide di giocare. I motivi per cui questo avviene possono essere vari, comunque lo scopo è sempre uno: influire col proprio nick, sul modo di giocare degli avversari.

Come tentare di non esser trovati sui siti di tracker

Vi sarà capitato senza dubbio almeno una volta, di notare un nickname di un giocatore di poker online che si faceva notare per la sua “complessità”. Magari era lungo, con lettere minuscole e maiuscole, con numeri, spazi ed altri caratteri che sembravano usciti da una digitazione del tutto casuale. Beh, molto probabilmente non era un qualcosa dettato dal caso, ma una serie di numeri caratteri e lettere che volevano creare un nickname un po’ più difficile da rintracciare su siti come il noto “Sharkscope”.

Per chi non lo sapesse, anche se sarete in pochi, Sharkscope è il portale che traccia i profitti nei tornei di tutti i player online, un vero e proprio database (ne esistono comunque altri più o meno noti), che può essere uno strumento utile in mano ad un player. Basta infatti inserire il nickname di un giocatore nella “ricerca di base” (che è un servizio gratuito), ed il sito mostra immediatamente una serie di informazioni come il profitto medio, lo stack medio, il Roi medio, il guadagno, etc. Queste nozioni in possesso ad esempio del nostro avversario, possono avvantaggiarlo dandogli una visuale di che tipo di giocatori siamo. Per questo, se invece di scegliere un nickname come “mario88” scegliamo un nickname difficile da ricordare ed anche indecifrabile come “Gù4èLm81rZpeF723L”, magari qualcuno avrà un po’ più di difficoltà a rintracciarci su questi siti. Ecco, questa strategia è usata da alcuni players prima di scegliere un nickname.

I nickname con tentativi di “deception”

La parola “deception” (che tradotta dall’inglese all’italiano significa “inganno”), nel poker viene utilizzata per definire un tipo di azione ideata per ingannare un avversario e non fargli individuare informazioni. Ecco, esistono nickname ideati con l’intento di “deception” degli altri giocatori di poker online. Un esempio può essere quello di qualcuno che sceglie un nick femminile, magari anche accompagnato da un anno di nascita che in verità è del tutto differente da quella del proprietario del nick. In questo modo è possibile quindi fingersi del sesso opposto, apparire più giovani o più vecchi, per sembrare così delle prede perfette che poi però al momento giusto si riveleranno più abili di quello che gli altri hanno potuto pensare. Chiamatela anche strategia o furbizia, o ancora come volete, ma questi banali escamotage sono realmente usati da alcuni player che li ritengono utili. Ma lo saranno davvero?