Il poker come allenamento cerebrale


L’invecchiamento fa parte del ciclo della vita. Dalla nascita si inizia ad invecchiare e ne siamo consapevoli. Non e’ solo il nostro corpo a farlo, ma anche il nostro cervello. Molti studi medici sono volti a capire se sia o meno possibile evitare, rallentare e bloccare l’invecchiamento celebrale.


Il cervello può essere allenato e mantenuto in forma, è dimostrato che nel momento in cui gli interessi vengono a mancare, gli impegni lavorativi anche e gli stimoli vengono meno, la nostra mente ne paga le conseguenze rallentando al punto di arrivare, in alcuni casi, a perdere molte delle sue capacità.

Nuove frontiere dell'allenamento celebrale

Gli scienziati si chiedono che cosa possa mantenere viva questa splendida macchina ed è dimostrato che ci sono alcune attività che permetto di farlo con buone possibilita’ di successo. Lasciarsi andare non va bene, bisogna continuare a nutrire interessi ed a mantenersi in allenamento proprio come nello sport. Molte società di videogames stanno producendo consolles, portatili o meno, che permetto di mettersi in gioco utilizzando proprio i neuroni. Queste macchine sono dedicate ad ogni tipo di pubblico, l’età non conta, il dato rilevante è che vengono consigliate anche agli anziani al fine di ostacolare l’invecchiamento celebrale.

Quali sono le caratteristiche di questi giochi?

Sono generalmente sfide molto veloci che coprono campi quali la logica, la matematica e la memoria. Il giocatore può selezionare livello ed età e la competizione ha inizio. Un tempo i nostri nonni facevano le parole crociate, anche un pò per passatempo, adesso l’evoluzione di queste e dei computer li portano ad approcciare a giochi su consolle nel tentativo di non invecchiare troppo in fretta. Il fenomeno è dilagato al punto che si è andati oltre il gioco portatile e su Internet sono stati studiati interi siti di giochi volti a questo scopo: permettono di allenarsi, come una palestra “cerebrale”.

Il poker: un'ottima palestra

Molte persone arrivano al poker, soprattutto al poker online, per sopperire al bisogno di svago nei momenti di noia. Questa pratica permette loro di mantenere vivo il proprio cervello pur non essendone consapevoli. Il poker, infatti, è un ottimo esercizio perchè richiede concentrazione, calcolo e memoria (per ricordarsi quali carte sono uscite e quali outs possano favorire le nostre mani), richiede astuzia perchè bluffando si può vincere. Il poker tiene attiva la nostra mente e ci permette di non lasciarci andare. Da quando il poker ha abbandonato la sua aura di gioco d’azzardo diventando poker sportivo, la considerazione che se ne ha, ha subito molti cambiamenti. Può essere si un gioco, un intrattenimento, una fonte di guadagno per i professionisti, una passione per gli appassionati, ma può anche, unendo l’utilite al dilettevole, aiutarci in una delle battaglie più combattute dagli esseri umani: quella contro l’invecchiamento.