NL Texas Hold’em: l’arte di prendere note

Texas Holdem No Limit prendere note sugli altri giocatori

Prendere delle note sui giocatori con i quali giochiamo è permesso da quasi tutte le poker rooms. Questa opzione è molto importante, e ci permette in pochi secondi di aumentare il set informativo in nostro possesso con una paio di semplici parole.

Molto spesso durante le mie sessioni di coaching mi accorgo che sono tantissimi i giocatori di Texas Hold’em che non considerano la possibilità di prendere delle note sui giocatori presenti al tavolo. Ricordiamoci che il Texas Hold’em è un gioco basato sull’informazione, e come sempre quanto più ampio è il set di informazioni in nostro possesso e tanto più alta è la possibilità di prendere la decisione migliore quando si tratta di risolvere un problema.

Pensare di potersi ricordare tutto non solo è eccessivamente ambizioso ma anche controproducente, visto che rischieremmo di associare un comportamento passato al giocatore sbagliato cosa che ci porterebbe ad adottare la soluzione errata per affrontarlo al meglio. Quasi tutte le poker rooms autorizzate ad operare in Italia offrono oggi la possibilità di prendere delle note sui giocatori.

Come prendere le note

Prendere note su questo o quel giocatore non è di per sè sufficente. È basilare infatti saper prendere tali note in maniera opportuna. Una nota del tipo “AJ 3dbet all in” è infatti del tutto inutile, perchè non spiega nulla sul tipo di giocatore di Texas Hold’em che abbiamo di fronte.

Potrebbe trattarsi di un giocatore estremamente loose, che manda la vasca con AJ durante il secondo livello di un Sit and Go, ma sia di un giocatore estremamente chiuso, il quale si lascia rubare tutti i bui fino a mandare la vasca solo con una mano relativamente forte come AJ.

Nel caso in questione una nota più opportuna sarebbe stata “AJ 3dbet allin liv. 3 con 35 bb”. Questa nota ci dà chiare indicazioni sul tipo di giocatore di Texas Hold’em che abbiamo di fronte, ovvero estremamente loose aggressive, quasi un maniac. Una nota infatti non ci deve spiegare come un giocatore ha giocato una specifica mano, ma quali invece siano le sue tendenze di fondo.

Essere concisi

Non è semplice prendere note nel bel mezzo dell’azione, soprattutto quando si sta multitabblando, per questo adottare un linguaggio conciso e spesso codificato facilita di gran lunga l’impresa.
Per farvi un esempio considerate quei giocatori di Texax Hold’em che amano limpare durante un Sit and Go anche quando i bui sono molto alti, tipicamente in bolla, per poter vedere un flop a basso prezzo con mani mediamente forti: scrivere tutto questo significherebbe trovarsi elimati dal torneo. Scrivere HBL invece prende meno che un secondo. HBL che stà per “high blind limper” assume la stessa funzione, ma riassumendo il tutto in 3 semplici lettere, permettendoci di proseguire con il nostro torneo di Texas Hold’em ed allo stesso tempo avere una importante nota sul giocatore che stiamo affrontando.