Martin Jacobson, acclamato da tutti, ha festeggiato giocando

Il campione del Main Event WSOP 2014 Martin Jacobson

L’uomo più popolare del momento, il giocatore che sta cavalcando l’onda del successo, ha con sé l’appoggio dei suoi colleghi: Martin Jacobson meritava davvero di vincere il Main Event WSOP 2014, e arrivare a tanto non è stata una questione di pura fortuna. Eppure lo svedese la fortuna la ha sfidata anche appena aver vinto le WSOP, e l’ha fatto andando a giocare a dadi e blackjack.

Martin Jacobson festeggia il titolo di campione del mondo con i dadi

Che cosa ha fatto il 27enne svedese dopo aver tagliato il traguardo che ogni giocatore sulla terra vorrebbe raggiungere? Secondo alcune immagini apparse su Twitter, il campione del mondo di poker sportivo avrebbe “festeggiato” giocando a blackjack ed a dadi. Le foto del collega Daniel "Dan" Heimiller, giocatore di poker statunitense con 2 braccialetti al polso, parlano chiaro: Martin Jacobson è vestito allo stesso identico modo di quando ha trionfato al Main Event WSOP 2014, e sta giocando a dadi e blackjack. Lo conferma anche Dan Heimiller stesso, che non nega come quegli scatti fossero stati fatti davvero poco dopo la vittoria di Jacobson.

Dadi e blackjack high stakes: i due giochi gli fruttano altri 30.000$

E come se non bastassero i 10 milioni di dollari vinti insieme al braccialetto d’oro del Main Event WSOP 2014, Martin Jacobson avrebbe accumulato altri 30.000 dollari di vincita, intascati dopo aver giocato high stakes proprio a Dadi e blackjack! Instancabile il fuoriclasse svedese che ha vissuto una notte da leoni all’insegna del gioco, e oltre al poker in cui si era ormai consolidato un fuoriclasse entrando nella storia delle World Series Of Poker, ha voluto far vedere quanto valeva anche negli altri giochi.

Tutti i colleghi di Jacobson d’accordo: ha meritato il titolo!

Mentre Jacobson continuava a giocare a dadi e blackjack e sul web impazzava la notizia del suo trionfo, i grandi professionisti che seguivano la vicenda hanno espresso le loro opinioni, positive al 100%, sulla vincita del ragazzo svedese. I social network hanno fatto letteralmente da vetrina sui pensieri e le opinioni dei “big”. Su Twitter, Phil Hellmuth non ha fatto mancare i suoi complimenti ed a proposito di Martin Jacobson e delle WSOP ha sottolineato che “il miglior giocatore al tavolo finale non vince sempre, ma stavolta è successo".

“The Mouth” ossia Mike Matusow, ha definite il nuovo campione mondiale con l’aggettivo “favoloso”. Per lui il 27enne ha compiuto la miglior performance sui tavoli verdi che Matusow abbia mai visto.

Negreanu attendeva la sua vittoria in diretta?

Mentre si stava per concludere il Main Event WSOP 2014, anche Daniel Negreanu che evidentemente seguiva l’action, diceva la sua. Sempre attraverso Twitter, ma prima di sapere il nome del numero uno, Kid Poker parlava così di Martin Jacobson: “Nonostante Jacobson sia un grande giocatore e un regular degli high rollers, non ha ancora vinto un torneo. Tanto vale che vinca in questa fase!”.

Per il giocatore di poker libanese naturalizzato australiano Joe Hachem, lo svedese ha giocato benissimo, le sue parole esatte sono state: "Grande tavolo finale WSOP e ottimo vincitore! Congratulazioni a Martin Jacobson, hai giocato benissimo".

Il nuovo ambasciatore dell’intero settore del poker sportivo sarà davvero pronto a ricoprire il ruolo che gli è appena “caduto” addosso con il suo trionfo al Main Event WSOP 2014? Ad una domanda proprio su questa questione, Jacobson ha risposto di esser pronto a rivalutare la sua professione e la sua situazione in generale e di aver il piacere di rappresentare i giocatori di poker professionisti nel pianeta, categoria di cui egli fa parte. Che si sia davvero reso conto del grande successo che ha avuto? Lo vedremo a breve, seguendo la sua strada di professional poker player e non solo…